Sondrio, 13 febbraio 2017   |  

Il turismo? Sempre più legato all'enogastronomia

Da Ristorexpo, in corso a Lariofiere, conferme incoraggianti per l'intera provincia sondriese.

DSC 0004 1 640x480

 Alla luce della XX edizione di Ristorexpo in corso a Lariofiere (Erba, Como 12-15 Febbraio) sono stati presentati i dati della ricerca “Food travel monitor 2016” da cui risulta che l’Italia è il Paese dei viaggiatori golosi. Il 21% degli Italiani si considera un culinary travel (contro il 46,5% della media all'estero) e solo il 33% si sente un esperto di food (contro il 72% degli altri). Il 69% dei cinesi viaggia per esplorare le vie del gusto contro la media del 46,5% di altri Paesi analizzati. Gli italiani poi risulterebbero meno esperti di cibo rispetto agli altri: solo il 33% contro la media del 72%.

Dalla manifestazione erbese emerge che La Lombardia punta sul turismo e non più solo su quello tradizionale, ma un turismo diffuso che strizza l’occhio anche a quello legato all’enogastronomia. Un impegno forte e importante che ha visto Regione Lombardia approvare una legge che regolamenta il comparto in tutte le sue forme. Ultimo provvedimento in ordine di tempo l’approvazione della proposta di atto amministrativo per dettare le linee guida per lo sviluppo.

Una scelta pienamente condivisa dal consigliere segretario Daniela Maroni che, presente domenica 12 Febbraio all’inaugurazione di Ristorexpo ha sottolineato come «il cibo è pura cultura ed esperienza da condividere quando si entra in contatto con un luogo. Lariofiere ha catalizzato queste infinite esperienze e ha condiviso un insieme di situazioni in un unico evento: Ristorexpo. Il cibo quindi è cultura pura e dobbiamo considerarlo un elemento vincolante e determinante per lo sviluppo del turismo in quanto le attività legate a vino e a cibo condizionano la scelta di una destinazione. Un'espressione che monitorizza un fenomeno pronto a rafforzarsi nei prossimi anni grazie anche a un'evoluzione, già in corso, del sistema enogastronomico sempre più intenso e inserito in un contesto sociale».

Il concetto di "turismo diffuso" sarà quindi quello da sviluppare sempre più in futuro, anche perché è quello che tiene in considerazione tipologie di turisti nazionali e internazionali e i diversi mercati di riferimento, tra cui anche quello enogastronomico. Da qui la necessità di formare e aggregare network di operatori turistici, consolidare i grandi eventi attrattivi, sostenere gli investimenti, ascoltare operatori e influencer, consolidare l'idea di un turismo legato ad agricoltura, moda, design, enogastronomia, cultura, rafforzando nel contempo le partnership macro regionali.

Per la Valtellina, che vanta eccellenze con primati nazionali e internazionali di diversi suoi prodotti, una musica soave giunge quindi da Ristorexpo. Con l'offerta enogastronomica che diventa elemento primario di scelta di una meta turistica la provincia di Sondrio si trova in pool position.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Agosto 1968 papa Paolo VI arriva a Bogotá, Colombia. È la prima visita di un papa in America Latina

Social

newFB newTwitter