Sondrio , 15 marzo 2018   |  

Il web: una grande opportunità che nasconde tante insidie

Mercoledì sera al Palladium l’incontro sui rischi della rete organizzato da Centro Culturale San Nicolò e Alpi Media Group

serata rischi web

Cyberbullismo, problemi di protezione della privacy, isolamento sociale e dipendenza dalle tecnologie. Queste sono solo alcune delle insidie che l’avvento di internet ha portato con sé. Tematiche molto complesse che gli esperti stanno cominciando ad analizzare ed affrontare su più fronti: quello tecnico, quello psicologico e infine sul fronte giuridico.

Proprio per questo motivo, per interrogarsi su ognuno di questi tre diversi fronti, il Centro Culturale San Nicolò, in collaborazione con Alpi media Group e con il supporto delle Acli, del Centro Culturale A. Manzoni, del Meic e delle Scuole Cattoliche Lecchesi, ha deciso di promuovere la serata "Web: grandi opportunità e grandi insidie", che si è svolta mercoledì sera al Cine-Teatro Palladium di Castello.

Sul palco si sono susseguiti gli interventi di tre autorevoli relatori, introdotti dal giornalista di Resegoneonline Stefano Scaccabarozzi: il capitano Alessio Zanella, comandante della compagnia Carabinieri di Lecco, Serena Tamburini, psicologa scolastica dell’istituto Maria Ausiliatrice di Lecco, e Marco Milani, titolare di “Ideatech”, società lecchese di Information Technologies. Ad ognuno di loro il compito di spiegare i diversi problemi che l’utilizzo del web, in particolare dei social network, inevitabilmente comporta, soprattutto per le generazioni più giovani, i cosiddetti “nativi digitali”.

Il primo a prendere la parola è stato il capitano Zanella, che nel corso della sua articolata presentazione si è soffermato in particolare sul fenomeno del cyberbullismo, presente anche nel nostro territorio. «Tutto ciò che viene fatto in rete comporta delle responsabilità civili e penali» ha chiosato il Comandante della compagnia di Lecco, ribadendo come su questo aspetto manchi ancora la consapevolezza da parte dei ragazzi ma anche dei genitori.

I risvolti psicologici che l’uso incontrollato del web e dei social comporta sono spesso molto pericolosi, ha spiegato la psicologa Serena Tamburini, raccontando come anche una sfera delicata e importante per la formazione dei giovani, ossia quella sessuale, oggi venga scoperta ed esplorata attraverso le applicazioni e il mondo digitale. Ricette magiche per affrontare senza rischi questo mondo non esistono: «I genitori devono riuscire a dare ai ragazzi regole chiare, contenitive e specifiche nell’utilizzo della tecnologia, che non deve diventare il centro della vita dei nostri ragazzi» ha concluso la Psicologa.

Un aspetto condiviso anche dall’ultimo relatore, l’ingegner Marco Milani, che ha puntato l’attenzione soprattutto sui sistemi di protezione che i genitori possono attuare: dalla conoscenza delle piattaforme più diffuse e utilizzati alle app di “parental control”, sottolineando infine però che «La migliore strategia di protezione, la più avanzata, resta l’educazione dei nostri figli».

serata rischi web 1

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Ottobre 1979  Madre Teresa di Calcutta riceve il Premio Nobel per la pace

Social

newFB newTwitter