Tirano , 02 dicembre 2016   |  
Cronaca   |  Cultura

In Basilica la "Parola" si è fatta canto con la poesia di p. David Maria Turoldo

Il programma Il resistente uomo ricorda a Tirano i cento anni dalla nascita di Padre David Maria Turoldo, teologo e poeta, predicatore appassionato, una "voce" tra le più forti e innovatrici del Novecento italiano

Un padre Servita che con Tirano ebbe un rapporto speciale, legato alla Madonna di Tirano e al suo amico sodale Padre Camillo De Piaz. Il secondo appuntamento del programma è dedicato alla musica, che fin dalle origini ha rivestito un ruolo speciale nell’ordine dei Padri Serviti in rapporto allo spazio sacro e alla liturgia. Con la traduzione poetica cantabile dei Salmi, l'opera di Turoldo, cercò di fornire canti di qualità alla liturgia post-conciliare affiancato dal suo collaboratore musicale Ismaele Passoni.


Conosciuto per le sue sconvolgenti poesie nella Rivista della Resistenza milanese, Turoldo è l'artefice di Salmi e Inni di grande profondità con rimandi al Nabucco di Giuseppe Verdi o alle composizioni di Quasimodo.

Sabato 3 dicembre 2016 alle ore 20.30 nella Basilica della Madonna di Tirano la musica di Turoldo si ascolterà nel concerto La Parola Si E' Fatta Canto con la poesia di padre David Maria Turoldo e musiche di Ismaele Passoni e Bepi De Marzi, sarà eseguito dai Cori del Castanese, del Magentino, del Villoresi e i "Cantori di Calastoria" diretti da Luigi Zuccotti, con l’esecuzione all’organo di Roberto Cassani. Per l’occasione, i brani proposti saranno commentati da Bepi De Marzi.

"I Salmi – scriveva Turoldo - sono ogni esistenza umana che Cristo fa sua e così quando li canto, canto in preghiera la storia dell'uomo e del mondo". Il programma Il resistente uomo è promosso dall’Assessorato alla Cultura in collaborazione con Associazione San Romerio, Cineclub Overlook, Cooperativa Intrecci, Associazione Musica e Immagine, Associazione Camillo De Piaz e la Rettoria della Basilica della Madonna di Tirano.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

30 Marzo 2004 il governo Berlusconi II istituisce il Giorno del Ricordo, in memoria delle vittime delle foibe e dell'esodo degli istriani, fiumani e dalmati

Social

newFB newTwitter