Sondrio, 23 giugno 2018   |  
Società   |  Cronaca

In Valtellina da Ottobre altri 750 migranti?

Un bando della Prefettura prevede lo stanziamento di oltre dieci milioni di euro da erogare a chi si farà carico d'ospitare per tre mesi gli extracomunitari.

hgaCroppedImage720439 croppedimage701426 IMG0529

Il primo a darne notizia è stato “Il Giorno” che ha notato come sul sito della Prefettura di Sondrio è stato pubblicato il bando di gara «volto alla conclusione di un accordo quadro con più soggetti, i quali dovranno assicurare i servizi di accoglienza e la gestione dei servizi connessi per i cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale». La base d'asta della gara ammonta a poco meno di 10.750.000 euro, comprensiva del pocket money giornaliero per 750 richiedenti asilo che verranno ospitati per tre mesi in Valtellina a partire dal prossimo Ottobre.

Ad Agosto 2017 c'erano, in provincia di Sondrio, 800 ospiti migranti che con i nuovi arrivi raggiungeranno il numero di 1550 pari allo 0,85 per cento contro una media nazionale dello 0,27 per cento.

I migranti ospitati nel sistema d'accoglienza italiano, distribuiti nelle varie tipologie di centri sono 167.739, secondo i dati del Viminale al 31 Maggio 2018.
È la Lombardia – informa l'agenzia Ansa – ad ospitare il maggior numero di stranieri (24.333, pari al 15% del totale); seguono Campania (15.011), Sicilia (14.690), Lazio (14.335) e Piemonte (12.590).

Gli sbarchi nei primi cinque mesi dell'anno sono arrivati a quota 13.430, il 78 per cento in meno dello stesso periodo del 2017, quando ne arrivarono 60.228. I tunisini (2.734) sono in testa tra le nazionalità dei migranti giunti via mare nel 2018, seguiti dagli eritrei (2.211) e dai nigeriani (916). I minori non accompagnati sbarcati sono 1.749.

I richiedenti asilo trasferiti in altri Paesi europei secondo il principio della “ricollocazione” sono 12.717: la Germania è la nazione che ne ha accolti di più (5.434).

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Settembre 1783 i fratelli Montgolfier presentano l'aerostato detto "ad aria calda" che viene innalzato alla presenza del re Luigi XVI, nei giardini di Versailles. L'aerostato prende poi il nome di mongolfiera.

 

Social

newFB newTwitter