Trieste , 29 ottobre 2018   |  

Inaugurata a Trieste la mostra "La Guardia di Finanza nella Grande Guerra"

Realizzata dal Museo Storico della Guardia di Finanza, in collaborazione con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ed il patrocinio del Comune di Trieste.

21301 DSC 2915

Inaugurata a Trieste, lunedì 29 Ottobre, presso il Magazzino delle Idee dell’Ente Regionale per il Patrimonio Culturale – ERPAC, la mostra a carattere storico – culturale: “La Guardia di Finanza nella Grande Guerra. Da Brazzano sullo Judrio a Trieste”, realizzata dal Museo Storico della Guardia di Finanza, in collaborazione con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ed il patrocinio del Comune di Trieste.

Madrina dell’evento la signora Irene Dall’Acqua, nipote del Finanziere che esplose, a Brazzano sullo Judrio, nella notte tra il 23 e il 24 maggio 1915, il “primo colpo di fucile” della Grande Guerra.

L’altro nipote, Pietro Dall’Acqua, omonimo dell’eroe di guerra, ha ufficialmente donato alla Guardia di Finanza il medagliere della gloriosa Fiamma Gialla che, consegnato al Presidente del Museo Storico, Gen. C.A. (ris) Flavio Zanini, sarà custodito dall’Ente tra i cimeli del Corpo.

Al termine della visita del percorso espositivo, è stato presentato il volume “Si conierà…nel bronzo nemico! Breve storia del cippo di Redipuglia a ricordo delle Fiamme Gialle cadute nella Grande Guerra”, curato dal Magg. Gerardino Severino, Direttore del Museo Storico e dall’ App. Sc. Federico Sancimino, edito dal Comitato di Studi Storici del Museo Storico della Guardia di Finanza, illustrato dal Prof. Georg Meyr, storico della Grande Guerra e docente di Storia delle Relazioni Internazionali presso l’Università di Trieste.

La mostra, che avrà luogo fino al 25 novembre 2018, rientra nel Programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale resterà aperta ai visitatori il martedì – venerdì: 9,00 – 13,00; 15- 18; sabato, domenica e festivi: 10 – 18; lunedì chiuso.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newFB newTwitter