Caiolo , 07 novembre 2019   |  

Inaugurato il fontanello di Caiolo

I bambini delle scuole del paese hanno ricevuto in dono una borraccia in alluminio

Caiolo1

Una settantina di bambini delle scuole dell’infanzia e primaria hanno salutato ieri, a Caiolo, il fontanello entrato in funzione l’estate scorsa, che consente agli abitanti di rifornirsi di acqua che arriva dalle sorgenti in quota.

L’impianto, gestito da Secam, attraverso la filtrazione, garantisce acqua pura e buona nelle versioni naturale e frizzante, fresca e temperatura ambiente. Non una novità per i bambini, che già da mesi utilizzano il fontanello, ma comunque una festa alla quale hanno partecipato molti abitanti in rappresentanza delle associazioni del paese, Gruppo alpini, Protezione civile, oltre alle forze dell'ordine. Il regalo di Secam a tutti i presenti è stata la nuovissima borraccia in alluminio, che diventerà un utile strumento per consumare acqua senza inquinare l’ambiente, limitando l’utilizzo della plastica. Il sindaco Primavera Farina ha espresso la sua soddisfazione per il gradimento che l’impianto ha riscontrato in paese, ricordando che anche all’interno dell’edificio scolastico è presente un fontanello ad uso della mensa.

Quello installato a Caiolo, nel parcheggio posto sul retro del municipio, è il 62esimo fontanello comunale, installato cioè per iniziativa delle Amministrazioni comunali, ai quali si aggiungono gli otto lungo il Sentiero Valtellina della Comunità Montana di Morbegno. E altri sono pronti ad aggiungersi, sia in comuni che ne sono sprovvisti, è il caso di Montagna in Valtellina, sia in altri, una quarantina, che già ne hanno, come Cosio Valtellino. Dall'entrata in funzione del primo fontanello, nel 2010, ad oggi, sono stati erogati circa 16,5 milioni di litri di acqua che corrispondono a un numero enorme di bottiglie di plastica non utilizzate, per un risparmio che non è soltanto economico ma anche ambientale. Una quarantina i comuni coinvolti sul territorio provinciale.

Durante la cerimonia d'inaugurazione, l'amministratore delegato di Secam Gildo De Gianni si è rivolto ai bambini esortandoli a considerare l'acqua per quello che è: un bene prezioso, non disponibile in quantità illimitate, che non va sprecato. «Il coinvolgimento delle scuole è fondamentale, perché voi ragazzi potete essere i primi promotori della cultura del riutilizzo: imparate ad utilizzare la borraccia, limitando il ricorso alle bottiglie in plastica». De Gianni ha annunciato che Secam sta lavorando a un progetto rivolto alle scuole per dare un segnale forte, sia per quanto riguarda la tutela ambientale che l'uso consapevole dell'acqua, con l'obiettivo di dotare ogni scuola di un fontanello. «Si tratta di un impegno che dobbiamo assumere per il presente come per il futuro - ha concluso -, affinché le nuove generazioni possano vivere in un mondo migliore».

Al termine degli interventi i bambini hanno ritirato ciascuno la propria borraccia in alluminio e sono corsi a riempirla al fontanello, con l'impegno che questo comportamento diventi un'abitudine.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Novembre 1945 inizia il processo di Norimberga contro 24 criminali di guerra nazisti della seconda guerra mondiale

Social

newFB newTwitter