Lecco, 15 maggio 2017   |  
Opinioni   |  Chiesa

Invocano la Madonna e don Giussani e il bambino si salva miracolosamente

di Alberto Comuzzi

Migliaia di persone pregano in tutto il mondo per salvare la vita di Ambrogio, un piccolo di due anni, caduto in una vasca colma di miasmi a Mandello del Lario (Lecco). Tecnicamente morto, dopo oltre due settimane, il bambino si riprende. I medici hanno fatto del loro meglio, ma la forza della preghiera si rivela, ancora una volta, miracolosa.

monsignor luigi giussani

Monsignor Luigi Giussani

«Sarebbero gravissime le condizioni di un bambino di due anni trasportato in eliambulanza, nel primo pomeriggio di oggi, all'ospedale di Bergamo da Mandello del Lario. Il piccolo sarebbe scivolato in una pozza d'acqua, una sorta di fontana, presente all'interno di una abitazione di via Nazario Sauro, andando in arresto cardiorespiratorio». Sabato 29 Aprile il nostro giornale Resegoneonline dava così la notizia di uno dei tanti incresciosi fatti di cronaca, che tale sarebbe rimasto se nei giorni successivi non fosse accaduto ciò che ora siamo in grado di svelare.

Dunque verso le ore 13 di quel tragico sabato, Ambrogio, un vivace bambino di due anni, s'allontana per un attimo dagli occhi vigili del papà e in un batti baleno finisce in un invaso d'acqua putrida.

Da quel tragico momento si susseguono una serie di fatti stranamente casuali: una signora, che aveva da poco fatto un corso di rianimazione, s'avventa sul bambino egli pratica il massaggio cardiaco facendogli espellere l'acqua dai polmoni. Pochi minuti dopo passano dal luogo dell'incidente (sempre casualmente ?) due Angeli del Soccorso degli Alpini di Mandello, i quali provvedono a praticare al piccolo un'iniezione di adrenalina facendogli ripartire il cuore bloccato da diversi minuti, riuscendo così a stabilizzarlo.

Nel frattempo, con una tempestività encomiabile, Ambrogio è trasportato al campo sportivo dove un elicottero è già sul posto per prelevarlo e condurlo all'Ospedale San Giovanni XXIII di Bergamo. Attorno alle16 il bambino è ricoverato in terapia intensiva pediatrica con prognosi gravissima ed alto pericolo di vita o in caso di sopravvivenza, comunicano i medici, di irreparabili lesioni cerebrali.

Da quel momento i genitori e i nonni s'aggrappano letteralmente alla Croce e chiedono una grazia alla Madonna e al servo di Dio don Luigi Giussani (1922- 2005), il prete ambrosiano fondatore del Movimento Comunione e Liberazione. Viene messa accanto al piccolo Ambrogio l'immaginetta del Servo di Dio e ogni mattina alle 8 i nonni si recano al cimitero monumentale di Milano sulla tomba del sacerdote per chiedere la grazia della vita del loro nipote.

Nella chiesa dell'ospedale bergamasco campeggia la monumentale opera della Croce del maestro Andrea Mastrovito che, informato delle gravi condizioni in cui versa Ambrogio, manda dal suo studio di New York una toccante lettera al piccolo. Ai piedi della Croce della chiesa i parenti di Ambrogio (che non sono ammessi nell'area delle cure del bambino) si recano in continuazione e lì affidano la loro disperazione a Cristo Salvatore che ha elargito miracoli su miracoli. Sono consapevoli che le condizioni di salute del loro amatissimo congiunto sono gravissime e che le speranze di vita sono praticamente nulle.

L'unica consolazione, che allevia un po' la loro angoscia, è di sapere che settemila persone riunite a Rimini per gli esercizi spirituali, scossi dalla vicenda di Ambrogio, pregano per la sua salute e, fatto ancor più eclatante, con le stesse intenzioni, si stanno unendo nella preghiera universale gruppi di credenti in Cina, Brasile, Messico, Russia, USA , Terra Santa e nell'intera Europa.

Con il passare dei giorni i parenti di Ambrogio vengono informati che per il bambino pregano, oltre a suore e monaci di diversi conventi (in particolare i benedettini del monastero SS. Pietro e Paolo di Buccinasco, “la Cascinazza”), persone che si dichiarano non credenti o che si dicono sfiduciati del cristianesimo.

Costantemente in bilico tra la vita e la morte per due settimane, venerdì 12 Maggio i medici sciolgono definitivamente la prognosi e trasferiscono Ambrogio dal reparto di Terapia intensiva a quello di Pediatria. Uno di loro si lascia sfuggire di bocca: la guarigione ha del miracoloso visto che il piccolo paziente era tecnicamente deceduto.

Se un razionalista puro,  un non credente sarà portato a considerare del tutto fortuite le circostanze che hanno salvato la vita del bambino, un credente, invece,  sa che Ambrogio è vivo ed è sano per la collettiva preghiera di impetrazione (o di richiesta) di una grazia. Insomma è vivo per miracolo.

Questa vicenda ha contorni ancor più strabilianti che riguardano alcuni suoi protagonisti e che per quel rispetto che si deve alle sfere più intime dell'animo umano a nessuno – e men che meno al cronista – è dato di divulgare.

A Mandello del Lario oggi probabilmente nessuno griderà al miracolo, ma che la preghiera di migliaia di persone, sparse nel mondo, sia stata accolta lassù, è un dato di fatto inoppugnabile. Commenta lapidario monsignor Franco Cecchin, prevosto di Lecco: «I miracoli esistono. Siamo noi, anche cristiani praticanti, che non li riconosciamo».

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Maggio 1986 la Comunità Europea adotta la bandiera europea

Social

newFB newTwitter