Sondrio , 03 marzo 2018   |  

L’Ats della Montagna promuove la salute

Prosegue l’attività di integrazione e di intervento dell’ATS della Montagna sui territori della Provincia di Sondrio, Valcamonica e Medio Alto Lario.

ats easy map

Nella seduta deliberante del 27 Febbraio, sono stati adottati importanti provvedimenti:  il Piano dei Controlli 2018 a tutela della salute dei cittadini nei luoghi di vita e di lavoro;  il Piano dei Controlli 2018 di Sanità Pubblica Veterinaria.

Il Piano dei Controlli a tutela della salute dei cittadini nei luoghi di vita e di lavoro, in capo ai servizi del Dipartimento di Igiene e Prevenzione sanitaria, diretto da Lorella Cecconami, è finalizzato a garantire la sicurezza dei cittadini in ogni contesto di vita e di lavoro.

Nel documento sono riportati i dati di attività 2017 e la programmazione 2018 inerente le principali tematiche di salute pubblica, come:  la sicurezza degli alimenti di origine animale con controlli in merito alla ricerca di OGM, di pesticidi,di micotossine e di residui di fitosanitari; la sicurezza delle acque destinate al consumo umano, delle acque balneabili dei 30 siti dell’ATS della Montagna e delle piscine;  il controllo della diffusione delle principali malattie infettive;  il controllo nella ristorazione, nel settore turistico-alberghiero, negli ambienti di vita (scuole di ogni ordine e grado, centri estetici, parrucchieri, centri benessere,
strutture sanitarie, farmacie) al fine di garantire la sicurezza dei cittadini e dei consumatori e nei luoghi di lavoro al fine di contenere il fenomeno infortunistico e l’insorgenza della malattie professionali Il Piano dei Controlli 2018 di Sanità Pubblica Veterinaria rappresenta la sintesi integrata e coerente della programmazione delle attività di competenza del Dipartimento Veterinario diretto da Marco Marchetti e dell’Area di Coordinamento Territoriale Vallecamonica-Sebino diretta da Giancarlo Battaglia con i relativi Distretti Veterinari.

I criteri fondanti della pianificazione sono l’omogeneità e la coerenza nelle modalità di Controllo Ufficiale nonché la trasparenza del processo di erogazione delle prestazioni al fine di assicurare la riproducibilità delle azioni poste in essere. Il tutto a garanzia di risposte pertinenti e adeguate alle esigenze e ai bisogni del territorio della montagna al fine di contribuire alla qualità e alla sicurezza degli alimenti, alla prevenzione della diffusione delle malattie degli animali e a un trattamento umano degli animali. In entrambi i Piani strategica è la collaborazione e l’integrazione tra i vari servizi dell’ATS della Montagna e con altri organi deputati ai controlli (NAS, Capitaneria di porto, Corpo forestale dello stato, Forze dell’ordine, ARPA) e con altri Enti territoriali (INAIL, Ispettorato territoriale del lavoro, Associazioni datoriali).

Nella stessa seduta deliberante del 27 Febbraio è stato adottato anche il Piano Integrato Locale (PIL) 2018 per la promozione della salute e degli stili di vita salutari, un importante documento che, partendo dall’analisi del contesto territoriale e demografico dell’ATS della Montagna, definisce le azioni che saranno attuate in tutti i contesti per favorire l’adozione di uno stile di vita salutare e ridurre il carico delle malattie croniche, con particolare attenzione a: promozione del benessere;  promozione sana alimentazione e attività fisica;  prevenzione delle dipendenze e della disassuefazione da tabacco;  promozione della cultura della sicurezza.

Fondamentale in questo settore è la collaborazione con tutti i portatori di interesse presenti e attivi sul territorio, quali per esempio scuole, aziende, comuni, associazioni, proprio per rinforzare e sostenere le azioni promosse dall’ATS a favore della salute dei cittadini. I documenti sono consultabili nella sezione Albo Pretorio del sito "www.ats-montagna.it".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newFB newTwitter