Sondrio , 26 ottobre 2016   |  

Lezioni di volo all'ospedale di Sondrio

Si tratta di una rappresentazione a ingresso libero dedicata ai piccoli pazienti del reparto di Pediatria, ai loro famigliari

Locandina20lezioni

Locandina evento

“Lezioni di volo” è il titolo dello spettacolo, che verrà messo in scena sabato 29 Ottobre, nell’aula magna dell’ospedale di Sondrio, per celebrare i venti anni di attività di Abio Sondrio, Associazione per il bambino in ospedale.
Si tratta di una rappresentazione a ingresso libero dedicata ai piccoli pazienti del reparto di Pediatria, ai loro famigliari e a tutti coloro che sono vicini ad Abio, liberamente tratta da “La gabbianella e il gatto”, e interpretata da Valentina Cama, per la regia di Sergio Procopio.


«Il ricavato dallo spettacolo – precisa Carla Vido, presidente di Abio Sondrio – verrà utilizzato per rendere ancora più accogliente e a misura di bambino il reparto di Pediatria, per quanto, in questi venti anni, molti passi avanti siano già stati fatti in questo senso, sia decorando i corridoi e le camerette dei piccoli pazienti con rappresentazioni di Walt Disney, sia cambiando gli arredi delle camere e della sala giochi». La sala giochi, sarà il fulcro dell’attività dei quaranta volontari Abio che, a turni di due, assicurano l’accoglienza ai bimbi e ai loro genitori, con la loro costante presenza strutturata su tutti i giorni della settimana, eccettuata la domenica.

Prezioso, il supporto dei volontari, organizzati in associazione, vent’anni fa, dall’allora primario Gilberto Bonora, facilmente individuabili tramite divisa e badge, e subito pronti a rompere il ghiaccio coi pazienti regalando loro la borsa dell’accoglienza dotata anche di gioco in linea con l’età del beneficiario.

Lo  spettacolo  andrà in scena sabato 29 ottobre, a offerta libera, è stato realizzato col contributo dell’Agenzia Generali Sondrio Garibaldi - Schena 1936 che ringraziamo molto”.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Giugno 1894 il Comitato olimpico internazionale viene costituito alla Sorbona (Parigi) su iniziativa del barone Pierre de Coubertin

Social

newFB newTwitter