Milano, 10 aprile 2018   |  

Fontana: un programma in sintonia con i Comuni

Dal Welfare alla conservazione del territorio, dal sostegno all'economia, all'innovazione le linee guida del lavoro che spetta alla Regione

IMG 20180410 103034302 2

Con il programma per il prossimo quinquennio di Regione Lombardia (qui sotto la versione integrale) illustrato dal presidente Attilio Fontana, si è aperta la prima assemblea consiliare al Pirellone.

Il Presidente ha annunciato le linee guida che sono, in sostanza, coerenti con quanto ha fatto dalla Regione nei ventitre anni di Governo di centrodestra. Per l'opposizione sono intervenuti Giorgio Gori (Pd) e Dario Violi (M5s).

Il primo ha denunciato la fragilità del programma di Fontana che non metterebbe in luce risposte adeguate alle moltissime carenze della Regione.

Secondo Gori i mali di Regione Lombardia sono: l'alta dispersione scolastica, 700 mila lombardi sulla soglia della povertà, consumo esagerato di suolo, inquinamento, liste di attesa per esami medici e code al Pronto Soccorso, morosità e insicurezza nelle case Aler di Milano, miraggio di una raggiunta autonomia che, stante l'attuale situazione politica nazionale sarà difficilmente ottenibile (occorre i 2/3 dei voti del Parlamento perché sia approvata). 

Nonostante ciò, bontà sua, Gori ha dovuto ammettere che la Lombardia rispetto a tante altre Regioni risulta all'avanguardia.

Il secondo, in modo meno aggressivo, ha sottolineato le carenze di alloggi, di politiche sociali, di sviluppo dei territori montani, ma ha tenuto a distinguersi da Gori in materia di autonomia.

«Il nostro movimento è convinto dell'importanza dell'autonomia», ha precisato, «che ha sostenuto attraverso il referendum e che sosterrà anche in futuro.»

 

download pdf Programma di Governo giunta Attilio Fontana

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Luglio 1099 i soldati cristiani alla Prima Crociata prendono la chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme, dopo un difficile assedio

Social

newFB newTwitter