Milano, 03 agosto 2017   |  

Lombardia, protocollo tutela acque

La Giunta regionale della Lombardia approva il nuovo programma di tutela e uso delle acque

download 2

La Giunta regionale della Lombardia, nella seduta di lunedì, su proposta dell'assessore regionale all'Ambiente, Energia, e Sviluppo sostenibile Claudia Terzi, ha
approvato il nuovo programma di tutela e uso delle acque (Ptua), lo strumento regionale per la pianificazione della tutela qualitativa e quantitativa delle acque, in conformità con il Piano di gestione del distretto idrografico Po.

Con il Programma di tutela e uso delle acque la Lombardia vuole  tutelare i corpi idrici fluviali, lacustri e sotterranei. Grazie a una serie di misure relative al potenziamento delle infrastrutture del servizio idrico integrato, all'integrazione delle politiche regionali che coinvolgono le risorse idriche, sia in ambito agricolo sia urbano, puntiamo a ridurre le cause del degrado delle acque. L'obiettivo e' quello di migliorarne la qualità ai fini di una tutela maggiore, sia dell'uomo sia dell'ambiente.

La presente proposta di deliberazione approva l'aggiornamento del vigente Programma di Tutela ed Uso delle Acque in linea con i contenuti del Piano di Gestione del Distretto Idrografico del fiume Po approvato per il secondo ciclo di pianificazione 2016/21 con deliberazione del Comitato Istituzionale del 3 Marzo 2016 e con DPCM del 28 Ottobre 2016.

Tra le principali novità del nuovo piano  ampio spazio è stato dato all'integrazione tra le diverse politiche promosse dai diversi soggetti che si occupano di acqua; vengono, inoltre, indicate una serie di priorità d'intervento e di indirizzo, per il servizio idrico integrato che comprende: acquedotti, fognature e depuratori. Sono poi evidenziate una serie di misure relative alla tutela quantitativa della risorsa con l'obiettivo di ottimizzarne l'uso salvaguardando le condizioni di naturalità dei corpi idrici. Infine, puntiamo all'implementazione dei sistemi informativi regionali che possano permetterci di avere dati aggiornati e consultabili".

La manovra ha impatto territoriale di livello regionale in quanto disciplina la tutela della risorsa idrica in Regione Lombardia. Destinatari della manovra: Comuni, parchi, Province, Ats, associazioni di categoria, gestori servizio idrico integrato, uffici d'ambito, consorzi di bonifica, produttori idroelettrici, privati di varia natura, ecc.

Diventa fondamentale che tutte le politiche che riguardano l'acqua e l'ambiente siano coordinate. L'acqua è un elemento fondamentale per la vita quotidiana di cittadini, imprese e agricoltori, per questa regione è anche soggetta a vari fattori di pressione che, con il PTUA, attraverso un lavoro comune, cerchiamo di limitare per poter preservare la risorsa idrica in un'ottica di utilizzo sostenibile.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

12 Dicembre 1901 Guglielmo Marconi riceve il primo segnale radio transoceanico.

Social

newFB newTwitter