Sondrio , 07 gennaio 2017   |  

Lombardia, rischio incendi boschivi in gran parte della regione

Venti deboli o solo a tratti moderati su pianura e Appennino

meteo

Avviso di moderata criticità (codice arancione) della Protezione civile lombarda per rischio incendio boschivo, in diverse zone della Lombardia. In particolare a essere interessate dall'avviso sono la Val Chiavenna, Sondrio, Alpi centrali, Verbano, Varese, Lario, Brembo, Alto e Basso Serio, Valcamonica, Mella, Garda, Pedemontana occidentale, Oltrepò pavese.


La regione rimane interessata da venti deboli o solo a tratti moderati su pianura e Appennino, moderati da settentrione su Alpi e Prealpi sotto 1.500 metri (con raffiche possibili fino a 30-50 chilometri orari), da moderati a forti sempre da nord in quota (con raffiche possibili fino a 60-80 km/h), in particolare nelle ore notturne e nel corso di domenica otto gennaio. Graduale aumento dell'umidità al suolo specie dopo il tramonto, con debole neve o nevischio limitati alle zone alpine confinali nella notte e sino al mattino di domenica. Temperature in aumento su Alpi, Prealpi ed Appennino.


Per via dei diversi incendi sviluppatisi a partire dal primo gennaio, la Protezione Civile raccomanda di intensificare la sorveglianza e il pattugliamento del territorio, prevalentemente nei Comuni ricadenti nelle classi di rischio 3, 4 e 5 del Piano regionale delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi. Le situazioni in atto sulle quali stanno intervenendo elicotteri regionali e/o mezzi aerei dello Stato sono: Breno, Chiavenna, Collio, Ballabio e Piateda.
A partire dal tre gennaio è attivo il "Periodo ad alto rischio di incendio boschivo" fino a revoca. Vige pertanto il divieto assoluto, nei boschi o a distanza da questi inferiore a cento metri, di accendere fuochi, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, motori, fornelli o inceneritori che producano braci o faville, gettare mozziconi accesi al suolo e compiere ogni operazione che possa creare pericolo di incendio.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newFB newTwitter