Sondrio , 16 febbraio 2018   |  

Lombardia: sanità, 31 mila inadempienti vaccinati

Migliori risultati sono stati ottenuti nelle fasce dove l'inadempienza comporta l'esclusione dall'ambito scolastico

Mail05Tx0002

Sono 31.417 su 184.398 pari a una media del 17,04%, i soggetti inadempienti che al 31 Dicembre 2017 sono stati sottoposti alla vaccinazione prevista dalla legge sull'obbligatorietà. Il dato si riferisce alle 15 coorti di nascita (2001/2015) che contano una popolazione complessiva di 1.409.500 che frequentano gli asili nido, scuole materne, elementari, Primarie e Secondarie di 1° e 2° grado, fino ai 16 anni. Un buon risultato se si considera i pochi mesi dall'entrata in vigore della legge, che fa ben sperare sul raggiungimento della copertura del 95 per cento che l'Organizzazione mondiale della Sanità indica necessaria per assicurare la cosiddetta "immunità" di gregge. I dati forniti dai Centri vaccinali, afferma l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, evidenziano differenze importanti a seconda delle coorti di nascita. Migliori risultati sono stati ottenuti nelle fasce dove l'inadempienza comporta l'esclusione dall'ambito scolastico, nelle coorti 2011, 2012 e 2013 (scuola materna) le percentuali di recupero sono, infatti, rispettivamente, del 38,92 per cento, 51,33 per cento e 16,53 per cento; nelle coorti 2014 e 2015 (asili nido), con il 16,75 per cento e il 29,79 per cento.

Da rimarcare positivamente che raffrontando le rilevazioni della coorte 2014 fatte a Gennaio 2017, con quelle di Gennaio 2018, dopo la legge dell'obbligo, la copertura del vaccino esavalente e' passata dal 94,4 per cento al 95 per cento e quello dell'MPR (Morbillo, Parotite, Rosolia) dal 93,4 al 94,3 per cento, quindi obiettivo raggiunto per il primo e ormai prossimo per il secondo.

Risultati meno performanti invece, i risultati nelle coorti dove l'inadempienza non comporta l'esclusione dalla frequenza scolastica, anche perché in questa fascia di età si concentrano soprattutto i richiami a cui più frequentemente i soggetti non aderiscono. Questo ci spinge a rafforzare ulteriormente il rapporto con i pediatri di libera scelta con la stessa modalità con la quale abbiamo agito per il morbillo (quando, prima della legge sull'obbligo, siamo riusciti a recuperare in un solo mese il 10 per cento dei bambini non vaccinati), proseguire con l'intensificazione dell'informazione anche attraverso il sito "www.wikivaccini.com".

Per quanto riguarda il temine del 10 Marzo 2018 e la possibilità che gli alunni delle servizi e della scuola dell'infanzia possano concludere la frequenza nell'anno scolastico in corso, di seguito le diverse fattispecie e i relativi percorsi successivi.

Alunni che hanno consegnato certificato vaccinale o analogo previsto dalla norma: non è richiesto altro.

Alunni che hanno consegnato autocertificazione: devono portare alla direzione didattica il certificato vaccinale (attiva per il genitore la possibilità di scaricare direttamente dal Fascicolo Sanitario Elettronico "www.crs.lombardia.it" dei propri figli l'elenco delle vaccinazioni eseguite) o fotocopia del libretto.

Alunni che hanno consegnato attestazione di richiesta di appuntamento ad Ats/Asst per completare il ciclo vaccinale: se già effettuata vaccinazione ante 10/3 alle famiglie è stato consegnato il certificato vaccinale aggiornato (ed eventuale programmazione delle successive dosi) che può essere consegnato a direzione didattica; se l'appuntamento per effettuare le vaccinazioni mancanti è fissato in data successiva al 10 Marzo, l'appuntamento assolve all'obbligo di legge fino al giorno indicato per l'esecuzione della vaccinazione, nell'occasione sarà rilasciato certificato da consegnare alla direzione didattica.

Alunni che hanno consegnato attestazione rilasciata da Pls/Mmg (Pediatri di libera scelta/Medicina Generale) di esonero temporaneo - definitivo per una o più vaccinazioni: è opportuno che il genitore consegni l'attestazione al centro vaccinale ove risiede o è domiciliato per la sua registrazione nel registro vaccinale, diversamente agli atti risulta inadempiente e verrà richiamato.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Settembre 2008 Taro Aso, 68 anni, è il primo cristiano ad essere eletto primo ministro in Giappone.

Social

newFB newTwitter