Milano , 23 febbraio 2018   |  

Maroni, Lombardia impegnativa, ma termina con la firma del patto di Autonomia

Il Presidente di Regione Lombardia, ha presentato stamane, venerdì 23 Febbraio, a Palazzo Lombardia il rapporto di fine mandato

imm presidente maroni

Roberto Maroni

Il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, stamane, venerdì 23 Febbraio, ha presentato il rapporto di fine mandato che racconta e riassume gli eventi principali di questi cinque anni alla guida della Regione Lombardia «mi sono emozionato perché, e non lo sapevo, hanno messo come base musicale un pezzo del mio gruppo, il Distretto 51, in cui c'ero anche io a suonare». 

«Ho scoperto la dimensione del governo della Regione, che non conoscevo, ha aggiunto, che mi ha dato tante soddisfazioni, ma che ha richiesto anche tantissimo impegno è più impegnativo fare il governatore della Regione Lombardia che fare il ministro dell'Interno. Questo sia dal punto di vista del tempo da dedicare, delle cose da fare, dei dossier e sotto molti altri aspetti - ha concluso il presidente -: certamente un'esperienza straordinaria, anche se molto faticosa, e piena di soddisfazioni».

Inoltre, Mercoledì 28 Febbraio,  firmerà  il Patto per l'Autonomia a Palazzo Chigi, assieme ai colleghi presidenti del Veneto e dell'Emilia Romagna è un passaggio storico, Roberto Maroni aggiunge «siamo riusciti   a mettere nel Patto le cose che volevamo, in particolare i finanziamenti. Cambia il sistema: maggiori risorse per la Regione, maggiore responsabilità e vantaggi enormi per famiglie e imprese». 

Esiste  qualche piccola modifica rispetto alla bozza iniziale, ma nulla di particolarmente significativo. La novità più rilevante resta il sistema dei finanziamenti, cioè la compartecipazione al gettito di uno o più tributi erariali, che vuol dire che ci sarà più interesse a fare investimenti, perché aumenta il Pil (Prodotto interno lordo), aumenta il gettito e aumenta il bilancio della Regione.

Altro elemento rivoluzionario sono i costi standard una nostra storica battaglia, che ora viene messa nero su bianco significa rivoluzionare il sistema della spesa pubblica con il riconoscimento a chi spende bene, che viene avvantaggiato, rispetto a chi spende male. Si supera così il criterio della spesa storica, che consentiva alle Regioni spendaccione di continuare a spendere e penalizzava le Regioni virtuose, come la Lombardia, alle quali viene ora quindi riconosciuta la virtuosità con tante risorse pubbliche in più.

Di seguito i principali 'numeri' emersi nel Rapporto di fine legislatura presentato dal Presidente della Regione Lombardia.

Area istituzionale: totale 6 miliardi di investimenti regionali +1 agli enti locali; 40 dipendenti pubblici ogni mille abitanti. Primato italiano; tempi di pagamento record, 14 giorni di anticipo sulla scadenza; 40 per cento di risparmio sugli acquisti grazie ad Arca; - 10 per cento sul bollo auto con la domiciliazione bancaria; 0 Irap per le start up; 11 miliardi di investimenti sul territorio con il Patto per la Lombardia; 1,5 miliardi di investimento per Expo Milano 2015; Eusalp: Lombardia capofila della Macroregionale Alpina; oltre 3 milioni di votanti al Referendum per l'Autonomia.

Area economica: 32 Accordi per la Competitività, 107 milioni di investimenti 10.500 posti di lavoro salvaguardati; 3,9 per cento del Pil per Ricerca e Innovazione; 106 milioni per gli Accordi per la Ricerca, 120 imprese e 81 organismi di ricerca; 50.000 Abbonamenti Card Musei; 30.000 famiglie beneficiarie della Dote Sport; 61 milioni per l'Anno del Turismo; 130.000 inserimenti lavorativi con Dote Unica Lavoro; 93.065 avviati al lavoro con Garanzia Giovani; 2,3 miliardi anticipo PAC; 1,2 miliardi Fondo FEASR 2014-2020; 230 milioni politiche agroalimentari.

Area sociale: nidi gratis per 13.500 bambini; 12.500 disabili gravi e anziani assistiti; 13.000 beneficiari del bonus famiglia; riforma sanitaria 3,2 milioni di pazienti cronici coinvolti nella presa in carico. Ambulatori aperti la sera e nei week end; 1,5 miliardi di investimenti straordinari in strutture sanitarie; 180 milioni per il welfare abitativo a 90.000 famiglie; 4.055 alloggi sfitti recuperati; 1.000 telecamere installate in quartieri ad alto rischio di degrado

Area territoriale: 355 interventi di difesa del suolo; -72 per cento di fabbisogno Energetico degli edifici pubblici; 900 comuni coinvolti in progetti di contrasto alla ludopatia (oltre a 124 scuole e 305 partner pubblici e privati); Gestione Grandi Eventi (Expo, Floating Piers, Visita di Papa Francesco); 74 nuovi treni già in servizio e 1000 nuovi autobus; 1,6 miliardi rinnovo materiale rotabile; 117 progetti per il miglioramento della sicurezza stradale.

Nuove opere: Alta Velocità' Treviglio-Brescia, Brebemi, Tangenziale Est Esterna Milanese, collegamento Terminal 1 e 2 di Malpensa, Arcisate-Stabio, costituita Lombardia Mobilità.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newFB newTwitter