Sondrio, 18 dicembre 2020   |  

Milano, artificieri Esercito, bonifica nei sotterranei della stazione Centrale

Distrutti 24 ordigni di diversa nazionalità risalenti alla Seconda Guerra Mondiale. ntervento di bonifica occasionale del territorio effettuato ieri da un team di artificieri dell'Esercito del 10° reggimento genio guastatori di Cremona nei sotterranei della stazione centrale di Milano.

Bonifica centrale

Giovedì mattina 17 Dicembre,  gli artificieri dell’Esercito del 10° Reggimento Genio Guastatori di Cremona hanno condotto un impegnativo intervento di bonifica nei sotterranei della Stazione centrale di Milano, nelle vicinanze del Memoriale della Shoah.

In totale sono state rinvenute 24 bombe a mano di diversa nazionalità, molte in ottimo stato di conservazione e tutte risalenti al secondo conflitto mondiale. Effettuato il  riconoscimento e la messa in sicurezza, gli artificieri hanno trasportato gli ordigni presso la cava Campana di Buscate (MI) dove sono stati distrutti.

Le operazioni di bonifica si sono svolte in tempi rapidi grazie alla sinergia di tutti i soggetti istituzionali coinvolti, coordinati della Prefettura di Milano e dal Comando Truppe Alpine dell’Esercito.

Gli specialisti del 10° Reggimento Genio Guastatori intervengono quasi quotidianamente per la bonifica dei residuati bellici sull'intero territorio della regione Lombardia, dove nell’ultimo anno sono stati distrutti oltre 500 ordigni.

L’Esercito, grazie alle capacità dei reparti del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, interviene nei casi di necessità in soccorso e supporto alla popolazione, nella bonifica degli ordigni come nei casi di pubbliche calamità. Con il suo Centro di Eccellenza Counter-IED, ubicato presso la città militare della Cecchignola di Roma, l’Esercito è preposto alla formazione degli artificieri di tutte le Forze Armate, Forze di Polizia e Corpi Armati dello Stato.  (A.A.)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Gennaio 1959 papa Giovanni XXIII indice il Concilio Ecumenico Vaticano II

Social

newFB newTwitter