Milano, 18 febbraio 2020   |  

Milano, il sondriese Fiorini presenta il libro "Il sentiero verso casa"

Proseguono gli incontri organizzati dall'Associazione Culturale Valtellinesi a Milano giovedì 20 Febbraio

Fabio Fiorini

Fabio Fiorini

Giovedì 20 Febbraio alle ore 18, presso la sede dell'Associazione – Via Palestro 12, Milano,Fabio Fiorini presenta il suo libro: "Il sentiero verso casa"

Maggio 1944. La primavera, i monti e la guerra fanno da palcoscenico alla tragedia che si abbatte su Pietro, un giovane partigiano innamorato. Qualcuno ha dato fuoco alla sua casa, ucciso la sua famiglia e distrutto tutti i suoi sogni. Il ragazzo cercherà vendetta, ma le ingiuste accuse nei suoi confronti lo trasformeranno da cacciatore in preda.

Agosto 1997. Thomas ha 14 anni, poca voglia di studiare e una bella cotta per la sua amica. Durante un'escursione in montagna si imbatterà nei resti della baita bruciata nel '44 e, quasi per caso, scoprirà di avere molte cose in comune con il partigiano che tra quelle rovine annerite ha perso tutto ciò che aveva. Curiosità e una buona dose di follia guideranno Thomas alla ricerca delle sue origini, lungo un sentiero ricco di pericoli e di personaggi pronti a tutto, pur di tenere la verità nascosta sotto una fitta coltre di silenzio.

Edito nel 2019 da Argento Vivo Edizioni, "Il sentiero verso casa" è il primo romanzo di Fabio Fiorini che ricrea un'avvincente storia che si sviluppa lungo due differenti momenti storici: la resistenza e i mitici Anni 90, nella cornice di un piccolo paese alpino.

Fabio Fiorini, nato in provincia di Sondrio nel 1981, vive in un piccolo paese della Valtellina, non lontano dal lago di Como. Da sempre grande lettore, ha deciso di provare a scrivere nel 2017, quando per caso si è ritrovato tra le mani un vecchio diario di guerra appartenuto al nonno materno. Così, durante la notte, con la musica classica in sottofondo, è nato Il sentiero verso casa, il suo romanzo d’esordio

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

2 Giugno 1946 con un referendum istituzionale gli italiani decidono di trasformare l'Italia da monarchia a repubblica (12.717.923 voti contro 10.719.284). Dopo questo referendum il Re d'Italia Umberto II di Savoia lascia il Paese

Social

newFB newTwitter