Morbegno, 31 luglio 2017   |  

Morbegno: al via il monitoraggio dell’attività Punto Primo Intervento

Rafforzato l’assetto dei medici. Due nuovi assunti a giugno e indetto un concorso per altri otto

cabina di monitoraggio Ppi.jpg2

Un confronto  costruttivo è il risultato della prima riunione della cabina di monitoraggio dell’attività del Punto di Primo Intervento del Pot (Presidio ospedaliero territoriale) di Morbegno. Nove i partecipanti, riunitisi questa mattina presso l’ufficio della Direzione Generale di Asst Valtellina e Alto Lario, a Sondrio, fra i rappresentanti della Asst medesima, Giusy Panizzoli, direttore generale, Rosella Petrali, direttore socio sanitario, Riccardo Bertoletti, delegato dalla direzione sanitaria, ed Enrico Beretta, direttore del dipartimento di Emergenza e Accettazione, il rappresentante dell’Ats della Montagna, Paolo Proh, delegato dalla direzione del dipartimento di Cure Primarie, il rappresentante di Areu, Carlo Picco, direttore sanitario, e i rappresentanti del territorio, Laura Bonat, sindaco di Ardenno, Andrea Ruggeri, sindaco di Morbegno, e Fabrizio Trivella, sindaco di Talamona.

 Rispetto al potenziamento dell’attività ambulatoriale è stato ampliato l’orario dell’attività di dermatologia con sei sedute al mese rispetto alle due introdotte in precedenza, dell’attività di neurologia, con prestazioni aggiuntive per 3 giorni al mese, di chirurgia vascolare, con analogo numero di prestazioni aggiuntive, di cardiologia, con potenziamento degli ecocardiogrammi e test da sforzo, e con l’introduzione dell’allergologia che prima non esisteva.

I sindaci hanno anche posto il tema dell’introduzione della nuova Tac, della permanenza della Medicina Generale e della Riabilitazione Cardiologica. Rispetto all’ acquisto della nuova Tac a 16 strati, in sostituzione dell’attuale, a 2 strati, del valore di 300mila euro, il direttore generale Panizzoli, ha sottolineato essere già stata avviata la procedura di acquisizione.

Rimodulata, l’attività della Medicina Generale, con l’introduzione di 14 posti letto per sub acuti, mentre i 7 posti letto di Riabilitazione Cardiologica sono stati, al momento, sospesi, dato che questo tipo di riabilitazione è superata dai nuovi protocolli terapeutici, e verranno dedicati a soddisfare altri bisogni di salute oggi emergenti fra la popolazione del territorio di riferimento.

Restano attivi i 7 posti letto di Riabilitazione Generale Geriatrica, è stato chiesto l’accreditamento per altri 7 posti letto per l’Hospice, e resta attivo il Centro Dialisi, mentre, in essere, è tutto il percorso di allestimento del Centro Servizi per la Fragilità e la Cronicità che andrà a connotare fortemente il nuovo Pot.

I dati di accesso al Ppi: 2 codici rossi in autopresentazione a Maggio 2017 contro gli 8 totali di Maggio 2016 1 codice rosso in autopresentazione a Maggio 2017 e sempre 1 a Maggio 2016 In flessione i codici gialli e, lieve, i verdi, stabili i bianchi. Per un totale di 895 accessi a Maggio 2017 contro i 1003 di Maggio 2016 e di 925 accessi a Giugno 2017 contro i 1077 di Giugno 2016.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

12 Dicembre 1901 Guglielmo Marconi riceve il primo segnale radio transoceanico.

Social

newFB newTwitter