Morbegno , 16 maggio 2018   |  

Morbegno il liceo artistico compie 30 anni

Un traguardo importante che viene celebrato con la mostra aperta in questi giorni nelle sale espositive del MVSA

retro flyer 0k

Sono infatti 30 gli anni che ha festeggiato la scuola di Morbegno: un traguardo importante che viene celebrato con la mostra aperta in questi giorni nelle sale espositive del MVSA (Museo Valtellinese di Storia e Arte). ’30 anni di liceo artistico Gaudenzio Ferrari di Morbegno’ è un’esposizione a due tappe organizzata da MEVA events di Valentina Merizzi.

Si parte con il prologo (dal 15 al 17 Maggio) un’esposizione collettiva di quattro ex studenti: Elena Milani, Domenico Buzzetti, Barbara Aloisio e Alex Bombardieri hanno messo in mostra «I lavori che più rappresentano il nostro percorso personale - spiegano gli artisti -. I visitatori troveranno installazioni, sculture, chine, foto e video: linguaggi diversi che spaziano dai più classici ai più moderni. Ad accomunarci è l’aver studiato nella stessa scuola, un liceo a nostro avviso fondamentale soprattutto in un’epoca in cui l’importanza delle immagini è predominante».

Una mostra che ben si inserisce nella realtà museale di Sondrio, come spiega la neo direttrice Alessandra Baruta: «Questo progetto, a cura di Valentina Merizzi (MEVA Events) spero sia il primo di una lunga serie di collaborazioni con artisti giovani del territorio: il nostro progetto di rendere il MVSA un museo proprio per tutti passa anche da qui, dalla voglia di aprire le porte di Palazzo Sassi de’ Lavizzari a iniziative che mantengano un certo peso culturale ed artistico, ma creando sinergie nuove e innovative. La realtà museale quindi è solo in trasformazione, ma si evolve per stare al passo con i tempi e con i cittadini, realizzando momenti culturali sempre di alto livello e con momenti formativi dedicati. Barbara Aloisio, Alex Bombardieri, Domenico Buzzetti ed Elena Milani ci trasportano nel loro mondo, nel loro concetto di arte con opere scultoree, fotografiche e visive, ma soprattutto con la capacità della carica emotiva e della potenza espressiva che spesso è la sola arte contemporanea a poter dare, grazie alla sua capacità di spogliarsi di pregiudizi e preconcetti. Il MVSA quindi apre le porte all’arte e alla cultura, a questi giovani artisti valtellinesi e agli artisti futuri, tessendo legami con la nostra realtà, ma anche cercando e trovando spunti esterni per una crescita continua». 

 

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Settembre 1956 è inaugurato il primo cavo sottomarino transatlantico, tra Scozia e Terranova.

Social

newFB newTwitter