Morbegno , 16 novembre 2017   |  

Morbegno, Lombardia, impegno concreto per tutelare sanità

L'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera e il sottosegretario alla Presidenza Ugo Parolo, oggi giovedì 16 Novembre, a Morbegno per l'inaugurazione del nuovo presidio ospedaliero

Mail05Tx0024

«Con un investimento di oltre 7 milioni di euro Regione Lombardia dimostra, ancora una volta, il suo impegno per la valorizzazione della sanità di montagna. L'inaugurazione del Presidio ospedaliero territoriale va a rafforzare la vocazione di questo ospedale e a dare una risposta concreta ai bisogni dei cittadini di questo territorio che sono quelli dei pazienti fragili».

Parole pronunciate dall'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera in occasione dell'inaugurazione del Pot dell'ospedale Morelli di Morbegno, al quale era presente anche il sottosegretario alle Politiche per la Montana Ugo Parolo, il sindaco di Morbegno Andrea Ruggeri e il presidente della Provincia Luca della Bitta.

Finanziamenti attuati per la sua ristrutturazione che prevedono investimenti per la sua ristrutturazione e per l'acquisto di macchinari tecnologicamente innovativi sia per il punto di primo intervento, che per l'attività ambulatoriale, attraverso la dotazione di una nuova Tac.

Attraverso un incentivo economico di 5 mila euro per tre anni, predisposto ad hoc per attrarre l'arrivo di medici nei territori di montagna sono stati assunti per Morbegno 4 dirigenti medici e 1 infermiera. All'interno del nuovo Pot entra in funzione il Centro servizi nel quale convoglieranno i dati di tutte le strutture dell' Asst della Valtellina e Alto Lario. Un importante servizio attraverso il quale all'atto delle sue dimissioni dall'ospedale ogni paziente avrà già una programmazione definita di visite e controlli , con date e luoghi indicati. Questo significa lavorare per rendere migliore la qualità dei  cittadini, questo è l'obiettivo di Regione Lombardia.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

11 Dicembre 1991 nasce a Maastricht l'Unione europea

Social

newFB newTwitter