Sondrio , 19 settembre 2017   |  

Nasce la Camera di Commercio Metropolitana

Mezzo milione di aziende iscritte, 2 milioni di addetti e oltre 500 miliardi di fatturato. Oggi il nuovo consiglio, Carlo Sangalli eletto presidente, 33 i consiglieri, 8 le donne

impresa

Mezzo milione di imprese, 2 milioni di addetti e 576 miliardi di fatturato. Al via da lunedì 18 settembre la nuova Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, con il primo Consiglio. Ospiti il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, il vice presidente Fabrizio Sala e Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico, oltre a Ivan Lo Bello, presidente di Unioncamere.

Carlo Sangalli è stato eletto all’unanimità presidente per i prossimi cinque anni. È la nuova istituzione per le imprese, nata dalla riforma e dal riaccorpamento. Ecco la prima "legislatura" (2017-2022) della Camera di commercio eletta direttamente dai rappresentanti del mondo economico milanese, monzese e lodigiano.

“La nascita di questa nuova realtà – ha dichiarato Carlo Sangalli, presidente della Camera di Commercio Milano, Monza Brianza e Lodi - significa più efficienza e semplificazione per mezzo milione di imprese. Ma non è solo la somma algebrica di tre Camere di commercio, è la realizzazione di un progetto complesso di ampia visione. In concreto: maggior ascolto del mondo imprenditoriale e nuove azioni pubblico-privato per vincere le sfide locali e globali”.

"Nasce una grande Camera di commercio, la prima in Italia per dimensioni. Come Regione Lombardia siamo pronti a collaborare con questa importante realtà, per guardare con fiducia al futuro della nostra economia e delle nostre imprese. Sono molto lieto, ho assistito al confronto, alla scelta unanime delle categorie. Le prossime sfide per Milano e per la Lombardia partono con il piede giusto" - ha dichiarato Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia.

Oltre a Carlo Sangalli, Presidente di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, oltre che Presidente di Confcommercio nazionale, nel nuovo Consiglio ci sono, tra gli altri consiglieri: Marco Accornero segretario generale dell’Unione Artigiani della Provincia di Milano, Guido Bardelli, presidente Cdo Milano, Giovanni Benedetti, direttore Coldiretti Lombardia, Diana Bracco già presidente di Assolombarda e di Expo 2015, Alberto Cazzulani, presidente Confcooperative Milano, Lodi, Monza e Brianza; Marco Dettori, presidente di Assimpredil-Ance Milano, Lodi, Monza e Brianza, Vincenzo Mamoli segretario regionale di Confartigianato Lombardia, Gabriele Rocchi, segretario organizzativo Camera del Lavoro metropolitana di Milano, Alessandro Spada vicepresidente vicario di Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza, Carlo Edoardo Valli, presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio per i rapporti internazionali e già presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza.

Sono 33 i consiglieri in rappresentanza dei settori dell’economia (9 rappresentanti dei servizi alle imprese, 6 del commercio, 5 dell’industria, 3 dell’artigianato, 2 del credito e assicurazioni, 2 dei trasporti e spedizioni, 1 dell’agricoltura, 1 del turismo, 1 della cooperazione, 1 dei consumatori, 1 delle organizzazioni sindacali, 1 dei professionisti) di cui 8 donne. Un consiglio di personalità riconosciute e attive per lo sviluppo dell’economia locale nei tre territori rappresentati.

Alcuni numeri della nuova Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi. Camera di Commercio di Milano, Monza-Brianza e Lodi, prima in Italia con quasi mezzo milione di imprese registrate, 2 milioni e 200 mila addetti, 500 miliardi di fatturato. È prima nel Paese in termini di imprese: secondo i dati relativi al 2016, conterebbe 466 mila registrate (di cui circa 400 mila attive). Parliamo di un bacino di 250 comuni e circa 4 milioni e 300mila abitanti, con una densità produttiva pari a 136 imprese e 803 addetti per km2. Significativo il peso anche in termini occupazionali, con oltre 2 milioni e 200mila addetti, pari circa al 59% del totale regionale e al 13% del nazionale. Prevalgono i servizi e il commercio, seguiti dalle costruzioni, dalla manifattura e infine dall’agricoltura. Dunque, rispetto alla sola Milano c’è più agricoltura da Lodi e più manifattura da Monza. A partire dall’industria brianzola del legno e del mobile, che conta 2.103 imprese attive (contro le 1.682 di Milano), vale a dire il 23% del manifatturiero locale (contro il 5,7% di Milano): con i due territori insieme il peso di questo settore arriva al 9,8%. Rispetto alla sola Milano cresce l’incidenza del settore della produzione di metalli, grazie dell’apporto di Monza e Lodi, che – come la stessa Milano – vantano una discreta specializzazione.

Ente pubblico delle imprese. La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico. Svolge funzioni di interesse generale per il sistema produttivo promuovendo la crescita delle imprese e del territorio.

Aziende speciali. La Camera di commercio si avvale del contributo di aziende speciali: Camera Arbitrale, per la risoluzione delle controversie e la diffusione della cultura della giustizia alternativa, dell’Arbitrato e della Conciliazione, Formaper, per la formazione e i servizi all’imprenditorialità, Innovhub e Stazioni Sperimentali per l’industria, per la ricerca e l’innovazione e Promos, per l’internazionalizzazione delle imprese.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Giugno 1894 il Comitato olimpico internazionale viene costituito alla Sorbona (Parigi) su iniziativa del barone Pierre de Coubertin

Social

newFB newTwitter