Sondrio, 30 maggio 2019   |  
Economia   |  Cultura

Nel Notiziario BPS l'economista Sapelli ragiona di Sud America

La prestigiosa rivista della Banca popolare di Sondrio è in distribuzione in questi giorni ricca come sempre di interessanti articoli

acdgiulio sapelli premier biografia

Giulio Sapelli, economista

È pronto il primo numero dell'anno (Aprile 2019) del Notiziario n. 139 della Banca Po­polare di Son­drio.

Il periodico, nella sua consueta elegante veste grafica, apre con Terza pagina e tratta un argomento religioso: “Le Beatitudini, il codice cristiano della felicità”, firmato dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

Segue la rubrica Attualità con interessanti articoli: “Il Sud America minerario ed energetico” di Giulio Sapelli; “Per una cultura della sostenibilità” di Andrea Segrè; “Milano, città resiliente” di Piero Pelizzaro e Miriam Sferrazza; “Uccidere la ex” di Fernando Camon.

Il testo della conferenza “Riciclaggio e criminalità, il ruolo delle banche nella prevenzione”, tenuta da Alessandra Dolci nella Sala Besta della Popolare di Sondrio il 14 dicembre 2018 per la solennizzazione della 94^ Giornata Mondiale del Risparmio, occupa la finestra Incontri Bps.

In onore di Leonardo da Vinci, l’uomo e il genio, e per commemorare il cinquecentesimo di morte di tale grande artista, scrittore e inventore italiano del passato, hanno scritto gli articoli “Riflessioni sul restauro dell’Ultima Cena” e “Il disegno ‘scientifico’ di Leonardo” rispettivamente Pinin Brambilla Barcilon e Pietro C. Marani.

Seguono Salute, Arte e Artisti, rubriche occupate da Elena Cattaneo con “Huntington, storia di un gene antico” e Giovanni Gavazzeni con “Sua Maestà la Materia”.

La finestra Letteratura riporta “Poeti italiani e poeti russi nel Novecento” di Maurizio Calusio e “Ri–leggere le Novelle di Pirandello” di Anna Bordoni Di Trapani.

La rivista prosegue con altre interessanti rubriche, tra cui Provincia ieri e oggi, dove campeggiano i pezzi “Leslie Stephen, un vittoriano a S. Caterina Valfurva” di Franco Monteforte, “Le terme di Santa Caterina” di Leslie Stephen; “Giovanni Bertacchi, cantore delle Alpi e non solo” di Guido Scaramellini; Oltre la Valle, dove sono pubblicati i pezzi “Il destino di Matera” di Giuseppe Lupo, “Arzo ieri, oggi, domani” di Fausto Sassi; e così di seguito.

In Elzeviri troviamo gli articoli “Essere una macchina” di Silvia Miotti, “La fauna sconosciuta del sottobosco” di Andrea Boscherini, “Il successo dell’equilibrio” di Alessandro Melazzini e “Curiosità e razionalità” di Davide Bianchi.

Per Giustizia, Francesco Saverio Cerracchio ha scritto “L’educazione civica deve ritornare nelle scuole”.

Almanaccando, Reportage e Gli amici dell’uomo sono rubriche riempite rispettivamente da Massimo Dei Cas con “Segni prepotenti e suggestioni di luglio”, Roberto Ruozi con “In Algeria sulle orme della III Legione Augusta” e Piero M. Bianchi con “Quello che i cani ci stanno dicendo (e noi non capiamo)”.

Nel periodico sono pubblicati i vari testi che formano la monografia su Umberto Veronesi (da pagina 162 a pagina 195), ospitata anche nella Relazione d’esercizio 2018 della BPS (SUISSE) SA, istituzione creditizia svizzera controllata dalla Banca Popolare di Sondrio.

La rivista chiude con Cronache aziendali, in cui si trovano le sezioni “Qualche bit da SCRIGNObps”, “Momenti Pirovano”, “Popsoarte” e “Fatti di casa nostra”.

In un articolo di quest’ultima finestra si scrive del salvataggio della valtellinese Cossi Costruzioni Spa, fondata nel 1976, con un importante prestigioso bagaglio di esperienza imprenditoriale, sia in Italia e sia all’estero, principalmente in Svizzera. Il pericolo di essere coinvolta nell’amministrazione straordinaria è stato scongiurato grazie al fattivo interessamento della Banca di piazza Garibaldi, notoriamente molto attiva sui territori presidiati a favore dell’economia reale e della sana imprenditoria, quindi popolare non solo di nome.

Vi è da aggiungere, sottolineandola, la collaborazione di più soggetti nella complessa operazione, a cominciare dal determinante apporto della Salini Impregilo Spa, Gruppo di notorietà internazionale.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Giugno 1980 il Dc9 I-Tigi Itavia Ih870, in volo da Bologna a Palermo, partito con due ore di ritardo, esplode nei cieli a Nord di Ustica, 81 le vittime, di cui 13 bambini

Social

newFB newTwitter