Sondrio, 05 gennaio 2018   |  
Economia   |  Cronaca

Ottimismo per il futuro della solida Banca Popolare di Sondrio

Nella lettera ai soci impegno «allo spirito cooperativistico" e attesa di "risultanze buone"

albertoCroppedImage720439 posonitida

Mario Alberto Pedranzini (a sinistra) e Francesco Venosta

Come consuetudine il presidente Franco Venosta e il consigliere delegato e direttore generale, Mario Alberto Pedranzini, a chiusura dell'anno che passa e all'inizio del nuovo, consegnano agli oltre 175.000 soci della Banca Popolare di Sondrio alcune loro riflessioni che, alla luce della situazione economica internazionale, illustrano l'andamento e le prospettive della Banca.

Tra le diverse sottolineature Presidente e Consigliere delegato ricordano che «analogamente alle altre istituzioni vigilate dalla Banca Centrale Europea, la BPS, che deve attenersi ad adeguati coefficienti patrimoniali e non solo, ha ricevuto dalla BCE, in ambito SREP, la notifica relativa ai livelli minimi da rispettare su base consolidata: 8,375% per il CET1 ratio e 11,875% per il Total Capital ratio, a fronte dei nostri coefficienti prudenziali che, al 30 settembre 2017, si sono posizionati ben al di sopra di tali soglie, e cioè: 11,59% per il CET1 ratio e 13,77% per il Total Capital ratio.

È un aspetto molto importante che, al di là di ogni considerazione, dimostra la solidità della banca, considerando pure come i coefficienti siano cresciuti, quasi interamente, per effetto di autofinanziamento da utili correnti».

«La nostra istituzione, tra le prime dieci realtà del panorama creditizio nazionale», scrivono poi Venosta e Pedranzini, «si caratterizza per essere rimasta sana e profittevole altresì in questi ultimi dieci anni di avversità economiche e finanziarie, di volatilità e turbolenze dei mercati.

Si devono ancora tirare le file per l’esatta definizione delle poste di bilancio del 2017.

Si può tuttavia anticipare che le risultanze, conseguite con passi decisi, preservando i nostri punti di forza, sono buone. Abbiamo perseguito l’innovazione, pianificando fra l’altro il passaggio al digitale, e la diversificazione dell’offerta; e abbiamo favorito discontinuità per cogliere sfide e occasioni di mercato».

Chiudendo la missiva Presidente e Consigliere delegato tengono a precisare la loro volontà a mantenere vivo «lo spirito cooperativistico propugnato dai nostri padri fondatori, faro luminoso ispiratore al quale guardiamo sempre con solerte considerazione». Il testo integrale della lettera è pubblicato qui sotto, per chi fosse interessato.

download pdf La lettera integrale ai soci della Banca Popolare di Sondrio

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Ottobre 1945 viene ratificato dai Paesi firmatari lo Statuto delle Nazioni Unite dando così vita alle Nazioni Unite

Social

newFB newTwitter