Chiavenna, 30 aprile 2019   |  

Palazzo Vertemate Franchi termine restauro dimora del custode, il torchio e la stalla

In occasione della conclusione dei lavori il Comune di Chiavenna, venerdì 3 Maggio, terrà una cerimonia di inaugurazione per i restauri effettuati nella dimora del custode, ghiacciaia e di altri ambienti di servizio per la dimora di animali,

Inaugurazione del restauro

Il Vertemate era una vera e propria Villa rinascimentale, dove la bellezza delle forme architettoniche e delle immagini dipinte si sposavano con la praticità di spazi dedicati alla produttività e al lavoro.

A partire da questi valori del passato, divenuti anche linee guida per il futuro, è nato il progetto “Palazzo Vertemate Franchi: Laboratorio di Arte e Mestieri”, finanziato da Fondazione Cariplo e guidato dal Comune di Chiavenna, ente proprietario del bene. Grazie a questo progetto si è avuta la possibilità di portare avanti un importante lavoro di  recupero conservativo di tre rustici appartenenti alle pertinenze di palazzo Vertemate: l'antica dimora del custode, il torchio e la stalla della vacca estiva, attigui a Palazzo Vertemate Franchi.

In occasione della conclusione di questi lavori, il Comune di Chiavenna ha deciso di festeggiare con una inaugurazione il termine del restauro.L’appuntamento è fissato per venerdì 3 Maggio alle ore 17:30, presso palazzo Vertemete Franchi di Piuro. La giornata si aprirà con i saluti istituzionali e procederà con una visita guidata ai rustici, a cura dell’architetto Enzo Bonazzola (Studioquattro), Direttore del cantiere insieme ad una squadra di professionisti. I lavori sono stati eseguiti dalla ditta Teicos di Milano, in costante collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio (con la guida del Soprintendente arch. Luca Rinaldi e dei suoi funzionari) e con la supervisione dell’Ufficio Tecnico del Comune di Chiavenna, guidato dal geom. Eugenio Bernasconi.

Durante il pomeriggio sarà così possibile ammirare gli antichi spazi che si rendono ora disponibili per nuove attività che animeranno questo contesto di Bellezza, in modo rispettoso e nello stesso tempo vivace.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Giugno 1980 il Dc9 I-Tigi Itavia Ih870, in volo da Bologna a Palermo, partito con due ore di ritardo, esplode nei cieli a Nord di Ustica, 81 le vittime, di cui 13 bambini

Social

newFB newTwitter