Milano, 28 agosto 2018   |  

Papa Francesco nomina Delpini membro del Sinodo

L'Arcivescovo parteciperà alla XV Assemblea generale ordinaria che si terrà in Vaticano dal 3 al 28 ottobre

CroppedImage720439-AnniversarioVittoriaDelpini-8th

Papa Francesco ha nominato monsignor Mario Delpini, arcivescovo di Milano, come membro della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale” che si terrà dal 3 al 28 ottobre in Vaticano. «La ringrazio fin d’ora – si legge nella lettera ufficiale – per la disponibilità all’invito del Santo Padre. La Sua presenza e la Sua competenza contribuiranno ad arricchire il dibattito sinodale con osservazioni, testimonianza e suggerimenti».

Una tappa di avvicinamento a questo importante evento di Chiesa è stato l’incontro dal titolo “Siamo qui!” dell’11 e 12 agosto scorso del Santo Padre con numerosi giovani giunti a Roma in pellegrinaggio da diverse regioni italiane e dalla stessa Diocesi ambrosiana.

Ora la parola passa ai Vescovi che a partire dall’Instrumentum laboris dovranno riflettere sulle sfide dei giovani nel mondo di oggi, sulla fede e la vocazione, sul discernimento e l’accompagnamento, sull’azione educativa e pastorale della Chiesa. La posta in gioco è alta perché si tratta di interrogarsi sul futuro delle nuove generazioni, sapendo che molto può fare la Chiesa per loro per incoraggiarli, orientarli, dare loro speranza perché ciascuno possa vivere una vita piena e responsabile alla luce del Vangelo.

L’arcivescovo Delpini potrà davvero dire molto in Assemblea a partire dalla sua grande esperienza nei diversi ruoli pastorali assunti in Diocesi, come pure per gli anni di Vicario generale e ora come Pastore della Chiesa ambrosiana. In diverse occasione durante l’anno ha incontrato i giovani nelle parrocchie e in raduni pubblici: li porterà tutti nel cuore quando interverrà al Sinodo di ottobre.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newFB newTwitter