Sondrio , 10 luglio 2017   |  

Pay TV e on demand a prova di consumatore

Sono stati coinvolti associazioni di consumatori e le principali società del settore come Sky, Mediaset, Netflix

pay tv

Ultimata la consultazione intorno a un tavolo al fine di migliorare i contratti. Il lavoro di analisi e condivisione ha richiesto nove mesi e ha riguardato i contratti dei maggiori player del settore in Italia, tra società italiane e straniere. Sky, Fastweb, Mediaset, Netflix, Chili, Infinity hanno partecipato agli incontri, insieme alla Camera di commercio e alle associazioni dei consumatori. Il risultato è un documento: “Il parere sulle clausole vessatorie nei contratti di Pay TV e on demand”.

Sono 2.219 le imprese attive in Lombardia tra produzione, distribuzione e programmazione tv, radio e cinema e crescono dell’1,8 per cento in un anno. Le straniere pesano il 3,1 per cento e crescono del 7,9 per cento in un anno. Milano da solo concentra il 66,2 per cento del settore lombardo e il 12,3 per cento di quello italiano. Il settore più numeroso è quello della produzione cinematografica, video e di programmi televisivi con oltre 1.100 imprese con le straniere che pesano il 3,9 per cento del totale. Tra i settori in cui gli stranieri pesano di più le trasmissioni radiofoniche (6,7 per cento del totale) e le attività di programmazione e trasmissioni televisive. Emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese relativi agli anni 2016 e 2015. 

Sono cinque  le audizioni: si sono tenute tra i mesi di giugno e settembre 2016 e hanno coinvolto le società fornitrici e le associazioni di consumatori. Gli aspetti esaminati a vantaggio di imprese e consumatori. La facilità di lettura del contratto, le traduzioni in italiano dei documenti nati per l’estero, la profilazione dei clienti o l’uso in locali pubblici di contratti sottoscritti per uso domestico sono alcuni dei temi trattati nel parere sulle clausole vessatorie nei contratti di Pay TV e on demand redatto dalla Camera di commercio di Milano.

Emerge un settore molto regolato e con tutele in atto ma nel quale è possibile migliorare soprattutto la chiarezza e comprensione delle clausole tramite l’uso di termini più appropriati, meglio collegati al glossario inserito nel contratto e migliorando la traduzione in italiano soprattutto per quelle società che hanno sede e uffici esclusivamente all’estero. Per quegli operatori che trasferiscono i dati raccolti fuori dal territorio dell’UE, si è confermato che va raccolto un consenso specifico. Tra le violazioni più diffuse tra i consumatori/clienti, l’uso in locali pubblici di contratti sottoscritti per uso domestico.

Sono stati oggetto di analisi sia i contratti B2C (business to consumer) che B2B (business to business). In quest’ultimo caso, l’esame ha riguardato la fruizione della pay-tv nei servizi pubblici, bar e ristoranti e altri locali pubblici.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Novembre 2005  Angela Merkel è il nuovo cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, prima donna a ricoprire questa carica in Germania

Social

newFB newTwitter