Sondrio , 13 marzo 2018   |  

Polizia e Questura di Sondrio insieme per la sicurezza stradale

Attività di prevenzione nell’ambito del servizio “stragi del sabato sera” effettuato dalla Sezione Polizia Stradale congiuntamente con la Questura di Sondrio.

S35Z07QN3904 kW8 U11002339696315DNI 1024x576LaStampa.it

Nella notte di sabato 10 Marzo gli agenti della Sezione Polizia Stradale di Sondrio congiuntamente a personale della locale Questura, per un totale di 4 pattuglie, nell’ambito dell’attività di controllo sulla rete viaria delle provincia di Sondrio, hanno proceduto al controllo di circa  50 autoveicoli e sottoposto 70 conducenti ad accertamento con idonee apparecchiature che rilevano lo stato di ebbrezza, che hanno evidenziato 10 prove con etilometro positive di cui 4 con valori superiori al limite di legge.

Sono state ritirate 3 patenti di guida, rispettivamente ad un 29enne e ad un 52enne, che circolavano alla guida con un tasso alcolemico compreso tra 0,50 e 0,80 g/l. (agli stessi è stata comminata la sanzione amministrativa di € 532,00 e la sospensione della patente da 3 a 6 mesi, che verrà decretata dalla Prefettura di Sondrio), nonché ad una 39enne, che circolava con un tasso alcolemico superiore a 1,50 g/l.; alla donna, denunciata all’Autorità Giudiziaria, è stata sequestrata l’autovettura per la successiva confisca.

E’ stato  contravvenzionato un giovane neopatentato, che circolava con un tasso alcolemico inferiore a 0,50 g/l. (sanzione amministrativa di € 164,00 e 10 punti patente decurtati).

Sempre nella notte, in località Piateda, sulla SS.38, si è proceduto al controllo di un autoarticolato, trovato fermo sulla carreggiata in corrispondenza di una intersezione stradale; l’autotrasportatore,  stava consumando un pasto in cabina, è stato contravvenzionato per il pericoloso ingombro arrecato.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Maggio 1992 a Palermo si celebrano i funerali di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, vittime della Strage di Capaci

Social

newFB newTwitter