Sondrio , 05 luglio 2019   |  

Sentiero Valtellina e Viandante uniti da un progetto

Prende forma, pezzo dopo pezzo, progetto dopo progetto, il Programma di interventi strutturali a sostegno della mobilità ciclopedonale tra le province di Sondrio, Lecco e Como

viandante 2

Il progetto che unirà il sentiero Valtellina ed il sentiero del Viandante è nel programma di interventi strutturali a sostegno della mobilità ciclopedonale tra le province di Sondrio, Lecco e Como, finanziato dalla Regione Lombardia con 2,5 milioni di euro su un totale di 3,5, che vede la Comunità Montana di Morbegno quale ente capofila.

Dopo l’installazione dei fontanelli Secam lungo il Sentiero Valtellina e in attesa dell’aggiudicazione dell’appalto per la riqualificazione dell’edificio sull’isola della Pescaia che ospiterà un centro visitatori, aule e servizi, è stato completato il progetto definitivo per la realizzazione del tracciato ciclopedonale che collegherà il Sentiero Valtellina e il Sentiero del Viandante, a Piantedo. Acquisite le autorizzazioni di fattibilità tecnica ed economica, la Comunità Montana convocherà a breve la conferenza di servizi per avere i pareri dei numerosi enti e società di servizi coinvolti prima di definire il progetto esecutivo a settembre e procedere con l’appalto. L’opera ha un costo di 300 mila euro.  

Il percorso, di quasi 1,3 chilometri, è diviso in due parti. La prima si sviluppa dalla località ‘Veronesa’ al campo sportivo, lungo la via San Martino, per quasi 700 metri: in parte su porzioni di tracciato già asfaltate o pavimentate, in parte a lato della sede stradale esistente. La seconda parte prosegue dal campo sportivo per raggiungere il Sentiero Valtellina dopo poco meno di 600 metri. La pista sarà realizzata all’inizio su terreni coltivati a prato, mentre per superare la zona ‘Adda morta’ verrà creato un percorso sopraelevato sul fossato esistente, oltre alle rampe al di sopra dell’argine.  

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newFB newTwitter