Sappada, 14 settembre 2020   |  

Recuperato un alpinista della cordata bloccati nelle Alpi Carniche (aggiornamento)

I due alpinisti si trovano a due terzi della via Mazzilis - Frezza al secondo Campanile delle Genziane, nel gruppo Peralba - Avanza (Alpi Carniche Occidentali): si tratta di una via di 450 metri di dislivello con difficoltà stimate fino al VII grado inferiore.

b58a4e70 2150 4493 90b5 a5c87053adb0 W

Aggiornamento:  Si è concluso positivamente questa mattina anche l'intervento di recupero del secondo alpinista rimasto bloccato ieri sera in parete sul Campanile delle Genziane nel gruppo del Peralba Avanza. Questa mattina l'elisoccorso regionale ha sbarcato due tecnici di elisoccorso una trentina di metri sopra al punto in cui si trovava, non senza difficoltà, dovute sostanzialmente al fatto che la parete era sporgente e alla presenza di blocchi instabili. Questi ultimi sono stati l'elemento imponderabile che ha interrotto le operazioni notturne da parte dei soccorritori giunti sulla cima del campanile in serata: sarebbe stato troppo rischioso calarsi al buio attraverso tratti rocciosi non sicuri che avrebbero potuto staccarsi durante le manovre. E dal momento che le temperature alte e l'alpinista stava bene era più opportuno attendere. Una volta sbarcati, i due tecnici hanno attrezzato un ancoraggio con due chiodi conficcati con il trapano.
Il primo tecnico si è calato all'altezza dell'alpinista ma la parete su cui si trovava distava, sempre a causa della sporgenza soprastante, ancora sei metri in orizzontale da lui: si è riusciti a raggiungerlo lanciandogli uno spezzone di corda. Da qui, si è effettuata una seconda calata in corda doppia di sessanta metri - di cui 40 nel vuoto- piantando altri due chiodi in parete, per raggiungere un terrazzino dal quale farsi recuperare dall'elicottero. La bravura del pilota, che ha dovuto manovrare il mezzo ad una distanza molto ravvicinata dalla parete, ha fatto il resto e il recupero è avvenuto con una verricellata di ben 90 metri. La cordata non si trovava sulla via Mazzilis Frezza bensì su un'altra via di Mazzilis, più difficile, sulla quale sono stati sviati dalla presenza di alcuni chiodi. I due alpinisti sono di Monfalcone e di Trieste

---------------------

E' stato recuperato dalla parete uno dei due alpinisti della cordata rimasta bloccata lungo la via Mazzilis Frezza al secondo Campanile delle Genziane, nel gruppo del Peralba - Avanza, a circa un centinaio di metri dall'uscita della via.

Il tecnico di elisoccorso è riuscito ad agganciare il primo di cordata, tagliando la corda che lo legava e assicurandola nuovamente alla parete. Una volta agganciato e recuperato con una verricellata di cinquantacinque metri, l'alpinista è stato portato in salvo presso la base, allestita vicino alle Sorgenti del Piave.

Vani i cinque tentativi di agganciare e recuperare anche il secondo di cordata, che si trovava una ventina di metri più in basso rispetto al primo e una trentina di metri più a destra del primo. La parete soprastante, molto sporgente, ha impedito infatti per circa quattro metri di distanza in orizzontale - distanza dovuta alla parete sporgente - il recupero con il verricello. L'elicottero è poi dovuto rientrare per scadenza dell'orario di volo: il secondo alpinista sta bene.

Sul posto ci sono ora le squadre di terra delle stazioni di Sappada e Forni Avoltri. Alle 21.15 circa cinque tecnici della stazione di Sappada hanno raggiunto la cima del Secondo Campanile delle Genziane e tenteranno ora di capire se sarà possibile raggiungere il secondo alpinista rimasto in parete allestendo un ancoraggio per calarsi a loro volta con le corde lungo la via. I soccorritori sono in contatto sia vocale che telefonico con l'alpinista. In ogni caso per domattina alle sei l'elisoccorso è già pronto a ripartire non appena ci sarà luce. Non si conosce al momento l'età e la provenienza degli alpinisti. 

Sono riprese alle prime luci di oggi, lunedì 14 Settemrbe,  le operazioni di recupero del secondo alpinista bloccato sul Campanile delle Genziane, nel gruppo del Peralba Avanza. Dopo aver tentato di calarsi dalla cima e raggiungerlo dall'alto, i soccorritori hanno deciso di sospendere le calate per poter operare in condizioni di maggiore sicurezza.
I cinque soccorritori della stazione di Sappada del Soccorso Alpino erano stati nel frattempo raggiunti da una seconda squadra di tecnici della stazione di Forni Avoltri. Una terza squadra e un altro soccorritore con un medico si erano recati rispettivamente alla base della parete e al Rifugio Calvi. I soccorritori presenti in quota rimarranno tutta la notte sul posto per tenere un contatto vocale con l'alpinista bloccato.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

28 Settembre 1928 è istituita in Italia la Federazione italiana rugby (Fir)

Social

newFB newTwitter