Milano, 01 dicembre 2019   |  

Regione Lombardia in campo con Stop Aids 2019

Si è svolto questa mattina, sabato 30 Novembre, alla presenza di 400 ragazzi delle scuole di tutta la Lombardia

gallera tra i giovani 600x0

Si è svolto  sabato mattina 30 Novembre, alla presenza di 400 ragazzi delle scuole di tutta la Lombardia, 'Stop Aids 2019', l'evento annuale che Regione Lombardia organizza, in occasione della Giornata Mondiale contro l'Aids, per richiamare l'interesse dei cittadini più giovani su un tema di salute pubblica purtroppo ancora così rilevante.

L’iniziativa, realizzata in collaborazione con ATS Milano Città Metropolitana, Anlaids e Centro Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) in coerenza con le finalità del Piano Regionale della Prevenzione e progettata con il contributo attivo della Rete della Peer Education della Lombardia, è stata condotta dal dj Francesco Facchinetti e dalla web influencer Lasabri.

Un evento-spettacolo di sensibilizzazione e informazione del quale i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado sono stati attivi protagonisti attraverso la partecipazione attiva tramite attività di animazione finalizzate ad obiettivi specifici: sensibilizzare sui rischi di trasmissione dei virus, orientare verso scelte di protezione consapevole, smontare pregiudizi e stereotipi sull’utilità del preservativo come strumento di protezione.

I casi di HIV in Lombardia nel 2017 (dato da considerarsi di riferimento in quanto consolidato, il dato 2018 verrà consolidato il 1° dicembre 2019) sono stati complessivamente 675 (di cui 604 a carico di residenti lombardi); il tasso di incidenza (6 nuovi casi ogni 100.00 abitanti) è in lieve decremento negli ultimi anni: erano 868 nel 2015, 763 nel 2016.

Nel 2017 in Italia sono state segnalate 3.443 nuove diagnosi di infezione da HIV pari a un’incidenza di 5,7 nuovi casi di HIV ogni 100.000 abitanti. L’incidenza delle nuove diagnosi di infezione da HIV non mostra variazioni significative rispetto ai tre anni precedenti. Nel 2017, le regioni con l’incidenza più alta sono state il Lazio, e il Molise. In Lombardia il maggior numero di casi è stato registrato presso ATS Milano Città Metropolitana seguita da ATS Bergamo e Brescia.

Complessivamente il 76% dei casi è maschio e 24% femmina; le classi di età più coinvolte sono le età tra 20-29 anni (34% dei casi), 30-39 anni (26,5 % dei casi) età 40-49 anni (23% dei casi). Il 30% delle persone diagnosticate come HIV positive è di nazionalità straniera. In merito alle modalità di trasmissione la maggioranza delle nuove diagnosi di infezione da HIV è attribuibile a rapporti sessuali non protetti, che costituiscono l’84,3% di tutte le segnalazioni.

I casi di Aids in Lombardia nel 2017 (dato da considerarsi di riferimento in quanto consolidato) sono stati complessivamente 213 (di cui 192 a carico di residenti lombardi); il tasso di incidenza è in decremento negli ultimi anni.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

7 Dicembre 1941 seconda guerra mondiale: i giapponesi attaccano la base navale statunitense di Pearl Harbor. L'episodio segna l'ingresso ufficiale degli USA nel conflitto

Social

newFB newTwitter