Milano , 29 giugno 2017   |  

Riforma sanitaria, una sfida alle malattie croniche

I Medici di Medicina Generale e Regione Lombardia al fianco dei pazienti cronici

Unisalute e1444138448520 300x189

L'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera è intervenuto alla conferenza stampa "Il medico di famiglia al servizio del cittadino, nel nuovo modello di cura della cronicità in Lombardia" organizzata, a Palazzo Lombardia, dalla federazione regionale della Fimmg(Federazione italiana medici di medicina generale), alla quale hanno partecipato Fiorenzo Corti, vice segretario nazionale della Fimmg , Davide Lauri, presidente CMMC - Cooperativa Medici Milano Centro, Stefano Ongaro, consigliere Cooperativa GST - Gestione Sanità Territoriale e Anna Carla Pozzi, vice Presidente Cooperativa IML - Iniziativa Medica Lombarda.

Finora le voci emerse sulla riforma  sono state quelle di chi, un po' per motivi politici, un po' per motivi sindacali, evidenziava le difficoltà, invece di cogliere gli aspetti positivi di un meccanismo che mira a far sentire tutti protagonisti e a mettere al centro la Medicina generale e ovviamente il paziente. Per questo sono lieto che oggi i medici della Fimmg e i rappresentanti di cooperative di Mmg, che già hanno avuto esperienze positive di presa in carico dei pazienti cronici, che coinvolgono più di un migliaio di medici, abbiamo voluto manifestare la volontà di aderire a un modello che rivoluzionerà, in positivo la vita di 3 milioni e mezzo di cronici lombardi".

La riforma attuata, è unica nel nostro Paese, in  un sistema che non stava più dando risposte adeguate agli attuali bisogni di salute con problemi di liste d'attesa, sovraffollamento dei Pronto soccorso, e fatiche dei Medici di Medicina Generale a far fronte ad un incremento di pazienti cronici che necessitano di attenzioni sempre maggiori.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Settembre 1870 le truppe del Regno d'Italia entrano a Roma attraverso la breccia di Porta Pia, sancendo così l'unificazione del Paese e la fine del potere temporale dei Papi.

Social

newFB newTwitter