Sondrio , 14 maggio 2020   |  

Rifugi parte il bando per riqualificare e adeguare le strutture

A partire da venerdì 15 Maggio, i gestori o i proprietari dei rifugi alpinistici ed escursionistici presenti nel territorio lombardo, potranno presentare domanda per ottenere un contributo a fondo perduto

Rifugi2

A partire da domani, venerdì 15 maggio, i gestori o i proprietari dei rifugi alpinistici ed escursionistici presenti nel territorio lombardo, potranno presentare domanda per ottenere un contributo a fondo perduto per sostenere interventi di riqualificazione delle strutture presenti nel territorio regionale lombardo e iscritte all'elenco regionale del 2018, valorizzando così il patrimonio naturalistico e ambientale della montagna di Lombardia.

La dotazione finanziaria del bando è pari a 1,9 milioni di euro. Per la realizzazione dei progetti ritenuti ammissibili, il relativo contributo in conto capitale a fondo perduto è concepibile nei limiti delle risorse disponibili nella misura massima dell'80% dei costi. Il bando prevede inoltre che l'entità del contributo massimo sia pari a 100.000 euro a fronte di un costo complessivo dell'intervento pari ad almeno 125.000 euro. Non saranno ammissibili e finanziabili quegli interventi che prevedono un costo inferiore a 7.000 euro. Gli interventi dovranno essere realizzati entro il 31 Ottobre 2021.

Le domande dovranno pervenire obbligatoriamente per mezzo del Sistema Informativo Bandi online (www.bandi.servizirl.it) a partire dalle ore 10 del 15 Maggio 2020, sino al 15 Giugno entro le ore 12.

Interventi legati all'emergenza sanitaria Covid-19; locali adibiti al pernottamento; apparati per la produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi per l'efficientamento energetico (produzione di energia idroelettrica funzionale all'esercizio del rifugio, produzione di energia fotovoltaica, di energia con impianti microeolici, riscaldamento acqua e aria mediante solare termico o altri sistemi basati su fonti rinnovabili, acquisto sistemi di accumulo, opere per miglioramento energetico); opere e impianti funzionali all'approvvigionamento idrico (sistema di filtrazione e potabilizzazione delle acque, collegamenti per approvvigionamento idrico, opere di presa per approvvigionamento acqua e per recupero acque piovane); messa in sicurezza dell'area di approdo e decollo di piazzole di elisuperfici occasionali per l'atterraggio di mezzi di soccorso; interventi per approvvigionamenti di materiali; opere per lo smaltimento delle acque reflue; Locali adibiti a servizi igienici; opere funzionali alla raccolta differenziata; prevenzione degli incendi e adeguamento sistemi di sicurezza; messa in sicurezza degli immobili; interventi finalizzati ad accessibilità disabili; acquisto e installazione di attrezzature per le telecomunicazioni quali sistemi per collegamento dati in banda larga e apparecchiature radio e telefoniche, tali da consentire anche collegamenti con le stazioni di soccorso alpino e organi di pronto intervento; acquisto e installazione di apparati tecnologici per la promozione turistica (quali webcam e stazioni meteo); acquisto e installazione sistemi di pagamento elettronici e registratori di cassa telematici

Saranno finanziabili anche gli interventi finalizzati ad adeguare le strutture e gli impianti a prescrizioni imposte dalla normativa vigente (Impianti elettrici, Impianti di riscaldamento, Impianti idraulici); interventi di fornitura di arredi funzionali al solo pernottamento con utilizzo di materiali tipici, ecosostenibili, rispondenti della normativa vigente, coinvolgendo ove possibile per la fornitura le imprese del territorio; interventi di manutenzione straordinaria e ristrutturazione dell'immobile principale.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

5 Giugno 1921 è il primo giorno scelto con circolare del Comando generale dell'Arma dei Carabinieri (del 7 Aprile dello stesso anno) per celebrare, ogni anno, la propria festa. Il 5 Giugno è la data di concessione della medaglia d'oro all'Arma medesima. In tutta Italia oggi la celebrazione avviene in clima d'austerità in sintonia con la situazione generale del Paese. Ancora una volta i Carabinieri dimostrano l'alto senso di responsabilità che li contraddistingue da 199 anni, giorno della loro fondazione. I Lecchesi, come tutti gli italiani, si stringono con affetto attorno ai loro Carabinieri.

Social

newFB newTwitter