Sondrio, 23 novembre 2016   |  

“Sereno variabile” sbarca in Valtellina grazie alla Banca Popolare di Sondrio

di Alberto Comuzzi

La popolare trasmissione condotta da Osvaldo Bevilacqua è finita nel Guiness dei primati come la più longeva tra quelle in onda nelle televisioni di tutto il mondo.

osvaldo bevilacqua

Osvaldo Bevilacqua

Una troupe del secondo canale Rai è da oggi in Valtellina per girare le immagini di una puntata di “Sereno Variabile” che dovrebbe andare in onda alle ore 17 di sabato 10 Dicembre.

I tecnici e il conduttore, Osvaldo Bevilacqua, si tratteranno in Alta Valle alcuni giorni. Sono previsti collegamenti da Bormio e da Livigno.
La popolare trasmissione “Sereno Variabile” è finita nel Guiness World Records come la più longeva tra quelle andate ininterrottamente in onda nelle televisioni di tutto il mondo. È infatti nel palinsesto Rai dal Novembre 1978.

Osvaldo Bevilacqua, 75 anni, una vita trascorsa a raccogliere suggestioni, attraverso immagini, da offrire agli spettatori perché possano meglio conoscere storia, cultura, artigianato, tradizioni, prodotti e sapori dei tanti luoghi del nostro Paese, è anche autore de “L'Italia nascosta” (Eri-Rai).

Nelle trecento pagine del libro, che presenta una sintesi dei luoghi visitati dall'Autore per realizzare il programma (è stato calcolato che Bevilacqua abbia percorso in tutti i viaggi effettuati oltre 17 milioni di  chilometri), le pagine da 47 a 53 sono dedicate “al Nord del Nord”, vale a dire alla Valchiavenna (palazzo Vertemati, in particolare) e al Passo dello Stelvio.

Un omaggio, carico d'affetto e di “fatale attrazione”, che il Conduttore di “Sereno Variabile” sente di fare agli intriganti luoghi della provincia di Sondrio, da lui stimati tra i più belli tra quelli visitati e frequentati, grazie anche ad una lunga amicizia coltivata con diversi dirigenti della Banca Popolare di Sondrio.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Luglio 2004 per commemorare i 50 anni della conquista italiana del K2, nel Karakorum, un'altra spedizione italiana arriva sulla cima del K2, ad 8.611 metri, dopo 9 ore di salita. I quattro italiani sono Mario Dibona, Renato Sottsass, Marco Da Pozzo e Renzo Benedetti

Social

newFB newTwitter