Sondrio , 20 agosto 2018   |  

Si torna a parlare di taglio dei Prefetti, ma i presidi territoriali resteranno

Nel piano del Governo questa volta però non ci sarebbe la chiusura degli uffici prefettizi, ma riduzioni a livello ministeriale.

salvini3

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini

Nelle prossime settimane il Governo potrebbe decidere di tagliare 29 posti di prefetto.

Dopo l'accorpamento ipotizzato dal governo Renzi, con l'ipotesi di 23 prefetture chiuse e Lecco di ritorno sotto a Como, oggi il tema torna d'attualità sul tavolo del ministro dell'Interno Matteo Salvini.

A dare notizia dei possibili sviluppi è “Il Sole 24 Ore” in un articolo a firma Marco Ludovico apparso nei giorni scorsi nelle pagine del quotidiano di Confindustria.

Secondo “Il Sole” al Viminale, per dare attuazione alle norme della riforma Madia e del governo Monti, si starebbe pensando a una riduzione dei prefetti ma non delle Prefetture, ovvero degli uffici territoriali. Un riordino dunque egli uffici senza però andare a toccare i presidi sul territorio.

Il taglio, considerati anche dipartimenti, i prefetti fuori ruolo e i prefetti destinati alla Polizia di Stato, dovrà arrivare a 29 posti ministeriali. E la scelta sembra quella, per una volta, di tagliare al centro e non nelle province.

I tempi sarebbero corti in quanto in caso di mancata riduzione entro il 31 dicembre 2018 scatterebbe il blocco delle assunzioni. Ma, sempre secondo “Il Sole”, si potrebbe chiudere già nelle prossime settimane.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Febbraio 1743 a Lucca nasce Ridolfo Luigi Boccherini (morirà a Madrid il 28 Maggio 1805), prolifico compositore, principalmente di musica da camera, considerato il maggior rappresentante della musica strumentale nei Paesi neolatini europei durante il periodo del Classicismo

Social

newFB newTwitter