Trento, 28 dicembre 2016   |  

«Siate porte anti-panico: apritevi agli altri e sarete felici»

Il Vescovo Lauro si è rivolto così in Cattedrale ai 400 «Cantori della stella»

cantori5

“Da creatore del mondo a costruttore di porte. Gesù ha lasciato che suo padre, il falegname Giuseppe, gli insegnasse a fare porte. Perché è tipico di chi ama lavorare perché gli altri siano più grandi di lui. Andate e raccontatelo alle nostre comunità e alle nostre famiglie”. E’ il “mandato“ dell’arcivescovo Lauro, poco fa in cattedrale, ad oltre quattrocento “cantori della stella”: bambini e ragazzi da tutto il Trentino, vestiti da magi e pastori, pronti a rivivere la tradizione dell’annuncio del Natale nelle vallate trentine, di casa in casa, seguendo la stella issata davanti a loro. Ad accompagnarli, in Duomo, genitori e animatori dei gruppi di catechesi, dell’oratorio, degli scout o di altre realtà legate alle comunità parrocchiali a cui appartengono i “cantori”.


Nella sua breve riflessione, il vescovo ha poi aggiunto: “Gesù montava solo porte anti-panico, quelle che si aprono verso l’esterno, come le uscite di sicurezza. Vi invito a diventare montatori di porte anti-panico. Se si aprono all’esterno siamo salvi. Apritevi e sarete felici”.


Alle persone che li accoglieranno nelle case, i ragazzi offriranno canti, poesie, messaggi di pace e un piccolo segno natalizio. Nelle loro soste saranno anche raccolte offerte per la Giornata dell’Infanzia Missionaria in calendario il 6 gennaio, solennità dell’Epifania. “I Cantori della Stella” sono un’iniziativa curata da due realtà diocesane: Centro Missionario e Ufficio Catechistico.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Settembre 1499 con il trattato di Basilea la vecchia Confederazione, che ha dato origine alla Svizzera, diventa uno stato indipendente.

Social

newFB newTwitter