Milano , 14 giugno 2017   |  

Lombardia più divise nei pronto soccorsi

La Regione lombarda, da tempo in campo sul tema della prevenzione della violenza all'interno di strutture sanitarie

"Regione Lombardia è già in campo da tempo sul tema della prevenzione della violenza all'interno delle strutture sanitarie, attraverso precise indicazioni per la realizzazione di programmi specifici da parte delle direzioni delle Asst. Accanto a questo concordiamo comunque sulla opportunità di implementare il numero di agenti della Polizia di Stato all'interno dei nostri presidi e scriverò personalmente ai Prefetti per sensibilizzarli in merito". E' quanto affermato dall'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera intervenendo in merito alla mozione 'Misure per la prevenzione dei fattori rischio e la sicurezza nelle strutture di Pronto soccorso".

Tra le azioni messe in campo dalle direzioni delle nostre Asst  quella più efficace è stata messa in atto da quella di Bergamo che col trasferimento nel nuovo ospedale, ha progettato e realizzato la Centrale gestione emergenze (Cge) frutto della sinergia tra le guardie giurate aziendali e le guardie giurate della All System. Punto di riferimento nella gestione delle criticita' riscontrate è la Centrale gestione emergenze (Cge)che ha il compito di, valutando l'intero scenario, contattare le Forze dell'ordine. Il servizio su 24 ore si occupa di gestione dell'ordine pubblico e della relazione con il personale ospedaliero, i degenti, i visitatori e i soggetti che a vario titolo possono essere presenti nella struttura.

Compatibilmente con i limiti di bilancio, la Regione, verificherà la possibilità' di aumentare il numero delle guardie giurate presenti nei  Pronto soccorso.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

11 Dicembre 1991 nasce a Maastricht l'Unione europea

Social

newFB newTwitter