Sondalo, 04 novembre 2020   |  

Sondalo, al Morelli, i malati saliti a 114

Nei due moduli della Terapia intensiva sono ricoverati 10 pazienti in gravi condizioni

terapia intensiva2

Immagine di repertorio

In due giorni soltanto, da lunedì a oggi, i malati covid-19 ricoverati all'Ospedale di Sondalo sono saliti da 108 a 114. Nel totale sono compresi i dieci in condizioni più gravi, che si trovano in Terapia intensiva, ma non i 14 ospitati nell'Obi, il reparto di Osservazione breve intensiva. Dal 1° Ottobre ad oggi sono decedute 13 persone, cinque donne e otto uomini, nate tra il 1930 e il 1951. Dei dieci ricoverati in Terapia intensiva tre sono nati negli anni Quaranta, cinque negli anni Cinquanta e due negli anni Sessanta.

Il reparto Obi (Osservazione breve intensiva) di Sondalo ospita pazienti positivi al covid-19 con sintomatologia, mentre negli Obi di Chiavenna e di Sondrio vengono accolte le persone in attesa del risultato del tampone, che viene garantito entro poche ore dal Laboratorio di analisi. Chi è positivo e necessita di cure viene subito trasferito all'Ospedale Morelli.

Per quanto riguarda i tamponi, il totale di quelli effettuati a partire da ottobre è di 7380, di cui 949 positivi. Nel solo mese di novembre, quindi lunedì e martedì di questa settimana, sono state sottoposte al test 829 persone rilevandone 171 positive: il dato comprende sia i nuovi contagi che i tamponi di controllo.

Al di fuori dell'attività svolta dal sistema sanitario locale per affrontare e contenere l'emergenza sanitaria da covid-19, negli ospedali e nei presidi proseguono le visite specialistiche e gli esami già programmati che vengono assicurati come tutti gli altri servizi, ad esempio la somministrazione del vaccino influenzale, che è iniziata ieri, o le terapie oncologiche. Secondo quanto disposto da Regione Lombardia sono sospesi i ricoveri programmati ma vengono garantiti gli interventi urgenti non procrastinabili e di emergenza urgenza.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Novembre 2005 il fiume Tevere esonda in Umbria e a Roma raggiunge i 12 metri, livello record che viene superato solo dai 12 metri e 41 centimetri del 1986

Social

newFB newTwitter