Sondrio , 09 gennaio 2017   |  

Sondrio batte Milano

I valtellinesi sono riusciti a portare a casa una vittoria contro il Cus, su un campo storicamente ostico ai sondriesi

rugbysondriologo 400x300

E’ una Sertori sorprendente quella vista ieri, domenica 8 Genanio, a Milano, i valtellinesi sono riusciti a portare a casa una vittoria contro il Cus, su un campo storicamente ostico ai sondriesi come il Giuriati; come se non bastasse ciò ad alimentare l’entusiasmo, questa è anche la prima vittoria stagionale lontana dalle mura amiche del Cerri-Mari. Da notare anche che sebbene la Sertori non fosse a pieno organico, numerose assenze anche tra giocatori spesso titolari, i valtellinesi siano riusciti ad esprimere il proprio gioco e dominare al pieno la mischia chiusa.


La Sertori inizia male la partita, i milenesi riescono infatti ad andare in meta al 3° minuto di gioco con il primo pallone aperto sulla trequarti. La reazione dei valtellinesi non si fa però attendere, tanto è vero che al 5° minuto di gioco i bianco-azzurri oltrepassano la linea di meta con Gobbi, che finalizza al meglio un’ azione nata da un abile giocata sul lato aperto. I sondriesi si replicano dopo 5 minuti di gioco, quando Ciapponi schiaccia la palla oltre la linea di meta al termine di una rolling maul nata da una touche. Il Cus Milano però non si arrende ed al 14° minuto di gioco riesce a segnare una meta, allungando poi con un calcio piazzato al 20°. La superiorità in mischia chiusa della Sertori si manifesta in pieno al 28° quando dopo una serie di falli dei milanesi l’arbitro assegna una meta tecnica a favore alla squadra di Sondrio. I meneghini però sono duri a morire e al 35° minuto di gioco riescono ad andare nuovamente in meta, la prima frazione di gioco si chiude quindi sul 22 a 21 per la squadra di casa.


La seconda frazione di gioco si trasforma quindi in una battaglia, con i milanesi che resistono al meglio agli attacchi della Sertori e contrattaccano ad ogni pallone che riescono a recuperare. Il sorpasso arriva al 58° con un calcio piazzato di Grillotti che porta il risultato sul 22 a 24 per i valtellinesi. I ragazzi di Sondrio riescono a resistere a tutti gli assalti dei milanesi che spesso si trovano nella 22 dei bianco-azzurri. L’affondo finale arriva al 72° quando la Sertori dopo una fase di gioco lenta riesce ad impostare una rolling maul, che viene finalizzata da Di Clemente.


Dal punto di vista tecnico la partita ha visto la Sertori pienamente dominante nella mischia chiusa, fattore assai determinante in una partita giocata sul filo del rasoio come questa. Anche le rimesse laterali hanno visto Sondrio in netto miglioramento rispetto alle ultime uscite. Sulla trequarti i valtellinesi hanno mostrato una difesa, quasi, impeccabile; con un reparto capace non solo di difendere ma anche di attaccare, come dimostrato dalla meta di Gobbi nel primo tempo. Il prossimo appuntamento per la Sertori sarà Domenica 15 al Cerri-Mari contro la capolista Cus Torino.


Formazione: Robb, Del Dosso (40° Di Clemente), Capetti (59° Guizzardi), M. Schenatti, Gobbi, Grillotti, L. Schenatti, C. Della Cristina, Sole, Moretti, Rossi (73° Ammonini), Ciapponi, Pedranzini, Paruscio, Azzalini. A disposizione: Duca, Zampelli, Bombardieri, Volontè.
Marcatori: 3° meta Milano trasformata, 5° meta Gobbi trasformata Grillotti, 10° meta di mischia (Ciapponi) trasformata Grillotti, 14° meta Milano, 20° CP Milano, 28° meta tecnica Sondrio trasformata Grillotti, 35° meta Milano trasformata; 58° CP Grillotti, 72° meta di mischia (Di Clemente) trasformata Grillotti. Risultato finale 22-29, parziale 22-21.
Risultati: Amatori Alghero – Rovato 41-31; Cus Milano – Sondrio 22-29; Cus Torino – Biella Rugby 41-20; Amatori Capoterra – Piacenza 10-16; Cogoleto – Monferrato 0-69; Lecco – VII° Torino 17-34.
Classifica: Cus Torino punti 40; Piacenza 34; VII° Torino 30; Biella Rugby 29; Amatori Alghero 28; Cus Milano 26; Monferrato 25; Sondrio 23; Amatori Capoterra 16; Lecco e Rovato 14; Cogoleto 13. (Pietro Ciapponi)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Gennaio 1982 i carabinieri Giuseppe Savastano ed Euro Tarsilli vengono assassinati da esponenti dei Comunisti Organizzati fermati per un controllo

Social

newFB newTwitter