Sondrio , 21 maggio 2019   |  

Sondrio: infrastrutture e sanità le priorità del tavolo territoriale

Diversi gli argomenti affrontati durante i lavori del Tavolo territoriale di Sondrio al quale hanno partecipato l'assessore agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni, il sottosegretario alla Presidenza con delega ai Grandi eventi sportivi, il vice segretario generale vicario di Regione Lombardia Pier Attilio Superti e esponenti delle istituzioni e delle associazioni di categoria del territorio valtellinese.

Adeguamento infrastrutturale, con investimenti per le arterie stradali e un ammodernamento della rete ferroviaria, sanità - con la massima attenzione a quella di prossimità per offrire servizi sempre più efficienti ai cittadini - e, sullo sfondo, il tema delle olimpiadi invernali del 2026 con la candidatura di Milano-Cortina che coinvolge a pieno titolo i territori della Valtellina per i quali l'assegnazione dei Giochi Olimpici potrebbe costituire un acceleratore dei progetti e delle iniziative in atto.

Questi gli argomenti affrontati durante i lavori del Tavolo territoriale di Sondrio al quale hanno partecipato l'assessore agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni, il sottosegretario alla Presidenza con delega ai Grandi eventi sportivi, il vice segretario generale vicario di Regione Lombardia Pier Attilio Superti e esponenti delle istituzioni e delle associazioni di categoria del territorio valtellinese.

A proposito di viabilità, l'assessore regionale ha sottolineato che un'altra opera importante è la messa in sicurezza della SS 36 sulla quale, a seguito della recente caduta massi, in questo momento si marcia in doppio senso sulla corsia sud e a fine mese si aprirà anche la nord. Questo intervento prevede la messa a dimora di altre reti che avranno il triplo della portata rispetto a quelle attuali, con opere che avranno il valore di circa un milione di euro. 

L'assessore ha accennato anche ai problemi di 'spostamento' di Monte Piazzo, per il quale è già stato fatto un intervento qualche anno fa ma non ha risolto in maniera definitiva il problema. 
 
«Potrebbe essere necessario nuove opere tra qualche anno: quindi chiediamo ad Anas - ha spiegato - di completare la bretellina di Dervio (con costi di circa 20 milioni) e lo svincolo di Piona (costi stimati 5 milioni): se realizzati, offrirebbero un collegamento più sicuro e stabile verso la Valtellina».

Sul fronte dei collegamenti ferroviari l'assessore ha garantito massimo impegno per migliorarli e velocizzare le percorrenze. Le oggettive difficoltà di spostamento sui territori di montagna hanno reso ancora più sfidante l'attuazione della riforma della sanità lombarda, che in Valtellina comunque procede bene e registra accorgimenti e segnali di attenzione che dimostrano grande attenzione per i servizi da rendere ai cittadini. Con la 'Sanità di prossimità',
ad esempio, con un furgoncino si va a casa del paziente cronico per offrirgli le risposte di cui ha bisogno. 

«Tra poco più di un mese sapremo se i membri designati dal Cio assegneranno le Olimpiadi a Milano e Cortina, in caso positivo per questo territorio ci sarebbero straordinarie ricadute positive».  Lo ha detto il sottosegretario ai Grandi eventi sportivi di Regione Lombardia durante il Tavolo territoriale della provincia di Sondrio. 

«Abbiamo confezionato un dossier di altissimo livello - ha spiegato - grazie al lavoro svolto con i sindaci e i tecnici della Valtellina. Sono emerse alcune criticità che già conoscevamo, soprattutto dal punto di vista della mobilità, ma attendiamo il 24 Giugno con grande fiducia. In ogni caso, quest'area è un punto fisso tra le priorità della Regione ma è innegabile che, con l'occasione delle Olimpiadi, tutti gli interventi programmati sarebbero velocizzati. Oltre alle azioni per il potenziamento delle infrastrutture e della mobilità, insieme all'Assessorato allo Sport stiamo programmando nuovi bandi per l'impiantistica e, in ottica turistica, pensiamo a opportunità per il potenziamento dell'accoglienza e della ricettività. Sarebbe una vetrina straordinaria - ha concluso il sottosegretario ai Grandi eventi sportivi - per dare ulteriore visibilità mondiale allo straordinario territorio della Valtellina».

Ai lavori del Tavolo territoriale di Sondrio è intervenuto anche il Vice Segretario generale vicario di Regione Lombardia, Pier Attilio Superti che è anche moderatori e coordinatore degli incontri di approfondimento e confronto organizzati periodicamente presso gli uffici territoriali regionali 

«La presidenza di Eusalp da parte dell'Italia, con la Lombardia grande protagonista - ha sottolineato - consente di assegnarci grandi obiettivi per la programmazione europea 2021-2027. La macroregione alpina delle Regioni che si affacciano sulle Alpi - ha spiegato Superti - ci ha indotto a costruire una macrostrategia che intende costruire le condizioni per la Programmazione 2021-2027, puntando su azioni condivise in materia di mobilità, infrastrutture e green economy. Una delle nostre priorità è sostenere start-up di giovani, con l'obiettivo di rilanciare l'attrattività delle aree interne».

L'altro grande tema affrontato dal vice segretario è stato quello della Semplificazione.  «La Lombardia - ha aggiunto il vicesegretario generale - è l'unica Regione italiana ad avere un piano strategico concepito attraverso le proposte formulate dagli stakeholder. Abbiamo cercato di sintetizzarle in 60 azioni che porremo in essere in via sperimentale per snellire le procedure. Inoltre, con la tecnologia 'Blockchain' - ha proseguito Superti - semplificheremo ulteriormente l'iter per le certificazioni e le dichiarazioni di chi prende parte ai bandi. Inizialmente e a livello sperimentale la applicheremo alla misura 'Nidi gratis' e poi nei settori agricoltura e formazione. E' chiaro che se arriverà l'Autonomia - ha concluso Superti - per la Lombardia sarà molto più semplice intervenire con successo in questi ambiti».

Tra gli interventi finanziati da Regione Lombardia in Valtellina, sono stati ricordati i 7,8 milioni per la ricerca e l'innovazione (Linea R&S per aggregazioni, Bando Innodriver), il sostegno alle imprese e al commercio (progetti 'Food in tour' e 'Smart community: network digitale per lo sviluppo e la promozione della montagna valtellinese'; 26 milioni per l'agricoltura (anticipo PAC, investimenti aziendali, giovani agricoltori, agricoltura di montagna), i 712 inserimenti lavorativi con la Dote Unica lavoro, l'apertura di un polo didattico della Scuola di formazione specifica in medicina generale presso la ATS della Montagna e l'attivazione di borse di studio regionali  Di 1,1 milioni per il sociale (welfare abitativo, conciliazione vita-lavoro, contrasto violenza contro le donne).

Sul fronte infrastrutture, sono stati ricordati i 69,4 milioni per la Variante di Morbegno alla SS 38 (da Cosio a Tartano);  4,5 milioni per riqualificazione della stazione di Morbegno e il potenziamento della trazione elettrica sulle linee Lecco-Sondrio-Tirano e Colico-Chiavenna.

Tra le iniziative in corso, ricordate durante i lavori del Tavolo territoriale, gli oltre 70 milioni destinati a finanziare bandi per la ricerca, l'innovazione, la competitività delle imprese; 19 milioni per interventi previsti dalla Strategia d'Area Alta Valtellina e 22 milioni per interventi previsti dalla Strategia d'Area Valchiavenna. A questi si aggiungono i 49 milioni per interventi strategici sui Comuni di confine (tra cui lo studio di fattibilità traforo dello Stelvio e il Piano attività Parco Nazionale dello Stelvio), gli 8,4 milioni per 10 progetti di cooperazione tra Italia e Svizzera, 3 milioni per progetti emblematici (Fondazione Cariplo) per la provincia di Sondrio, 7 milioni per l'adeguamento alla prevenzione incendio del presidio ospedaliero di Sondalo. 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Giugno 1980 il Dc9 I-Tigi Itavia Ih870, in volo da Bologna a Palermo, partito con due ore di ritardo, esplode nei cieli a Nord di Ustica, 81 le vittime, di cui 13 bambini

Social

newFB newTwitter