Sondrio, 03 maggio 2017   |  
Società   |  Cronaca

Sondrio si mobilita e celebra la Giornata europea

Il 9 Maggio varie iniziative promosse dal Movimento federalista europeo che inaugurerà la sede della propria sezione “Ezio Vedovelli” in Galleria Campello alle ore 14.30

Schuman hqdefault

Robert Schuman (1886-1963)

Martedì 9 maggio si terrà a Sondrio la celebrazione della giornata europea denominata “Schuman day” in memoria di uno dei padri dell’Europa, che proprio in quel giorno pronunciò nel 1950 una celebre dichiarazione ritenuta l’atto di nascita dell’Unione europea. L’organizzazione della ricorrenza, che ha avuto il patrocinio del Comune di Sondrio, del Comitato lombardo dell’Aiccre - l’Associazione italiana per il consiglio dei comuni e delle regioni d’Europa - e dell’Ufficio di Milano della Commissione europea, è stata curata, oltre che dall’Amministrazione del capoluogo, anche dalla sezione “Ezio Vedovelli” del Movimento federalista europeo.

Il programma della giornata prevede, alle 10, la cerimonia dell’alzabandiera europea e della collocazione di una targa commemorativa sul pennone posto davanti a palazzo Martinengo. Seguiranno la diffusione delle note dell'inno europeo, “Ode alla Gioia” di Beethoven”, di quello italiano e brevi discorsi delle autorità presenti, fra cui il prefetto Scalia, il sindaco di Sondrio, Alcide Molteni, quello di Tirano, Franco Spada, pure delegato provinciale dell’Aiccre e di un rappresentante del Movimento federalista europeo.

Un esponente di questo, il professor Gino Majocchi dell’Università di Pavia, sarà poi il relatore che alle 11 terrà una conferenza sul tema dell’Europa agli studenti dell’istituto De Simoni - Quadrio nell’aula magna della scuola. Nel pomeriggio, alle 14.30, è infine in programma l’inaugurazione ufficiale della sede del Movimento federalista europeo in Galleria Campello. (Guido Monti, segretario della sezione “Ezio Vedovelli” del Movimento federalista europeo)

 

 

 

 

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

12 Dicembre 1901 Guglielmo Marconi riceve il primo segnale radio transoceanico.

Social

newFB newTwitter