Chiavenna, 11 dicembre 2016   |  

Strada statale36: a Pozzo di Riva l 'allargamento della strada è  ancora un miraggio. 

Appello del Sindaco di Chiavenna comune capofila di altri del territorio affinché  i lavori in capo all' Anas si concludano nei tempi stabiliti.

CroppedImage720439 135383731574510c5d11b

Qui di seguito alcune considerazioni del Sindaco di Chiavenna,  sui lavori di allargamento della Ss 36.

"In merito alla situazione dei lavori di allargamento della SS 36 in località Pozzo di Riva alcune considerazioni importanti:  quel lavoro é atteso da molti anni. In tanti amministratori hanno sognato di riuscire a farlo o ne hanno parlato. In questo momento i lavori si stanno facendo. È questo é certamente una buona notizia attesa da circa trent'anni ed un obiettivo raggiunto.
L'intervento é progettato e realizzato da Anas trattandosi di una strada statale. Gli enti locali hanno fatto la loro parte ma non sono i titolari del progetto. Per questo motivo abbiamo offerto ogni supporto possibile e siamo intervenuti ad aiutare a superare un intoppo autorizzativo nei confronti del traffico ferroviario.

Da sempre abbiamo chiesto il rispetto del cronoprogramma e delle date fissate perché il nostro territorio sta facendo uno sforzo immane. La proroga dei tempi dei lavori é dunque per noi qualcosa di inaccettabile. La direzione dei lavori del cantiere aveva assicurato una tempistica che ora non viene rispettata. Chi ripagherà i nostri operatori di questo ritardo? Chi si sobbarcherà i limiti di questa mancata apertura? Che si faccia in fretta e che si consegni al territorio una viabilità efficiente per i nostri cittadini, le aziende ed il sistema turistico. Per questo motivo nei prossimi giorni il capo compartimento mi ha comunicato la sua presenza in loco e attendiamo precise informazioni in merito.

Il nostro territorio non può più aspettare. Dopo trent'anni di promesse il cantiere ora é in corso, occorre finire al più presto.  Si chiede quindi fin da subito ad Anas di mettere in campo tutte le sinergie e forze necessarie, aumentando se necessario uomini e mezzi in cantiere per recuperare al più presto sulla tempistica prevista e riaprire al traffico il prima possibile".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

28 Marzo 1923 è istituita la Regia Aeronautica Italiana

Social

newFB newTwitter