Chiavenna , 12 marzo 2019   |  

Suor Mainetti riposerà alla Collegiata di San Lorenzo

Lunedì 11 Marzo, si è svolta la santa messa celebrata da Mons. Cantoni in occasione della traslazione dei resti di Suor Maria Mainetti

Chiavenna 4 1024x768

Immagine dal sito "Diocesi di Como"

E' stata celebrata, lunedì sera 11 Marzo, dal vescovo di Como Oscar Cantoni, a Chiavenna la santa messa in occasione dell'avvenuta traslazione dei resti mortali di suor Maria Laura Mainetti. 

Viste le numerose persone che provenienti da ogni parte d’Italia si recavano sulla tomba di suor Maria Laura, presso il  cimitero, si è pensato di offrire la possibilità di averla più vicina e di facilitarne la visita. Terminata la fase diocesana del processo e consegnata la “Positio” alla Congregazione per le Cause dei Santi, si è ritenuto così di traslare la salma nella Collegiata di San Lorenzo. Avuti tutti i permessi per la delicata operazione si è provveduto a trovare una appropriata collocazione all’interno della Chiesa. Si è optato per l’altare laterale dedicato a San Giovanni Nepomuceno. La traslazione, in forma privata, è avvenuta martedì 26 febbraio alle ore 9.00, alla presenza delle autorità ecclesiali competenti seguendo le disposizioni della Congregazione per la Causa dei Santi. Tutto è avvenuto in un clima di preghiera e di commossa partecipazione.

Riportiamo il saluto dell'arciprete  Monsignor Andrea Caelli e l'omelia del Vescovo Oscar Cantoni  

«La Comunità pastorale di Chiavenna e Prata gioisce per la presenza del Vescovo fra noi. Do il benvenuto anche alle autorità civili, al folto gruppo delle Suore della Congregazione della Croce e alla loro Provinciale, ai sacerdoti, ai numerosi fedeli delle comunità di tutta la Valle. È un giorno di festa e di gratitudine. Suor Maria Laura, Serva di Dio, è ora qui in quella che fu la sua chiesa. Ciò che stiamo vivendo non è un anticipo di beatificazione ma un atto dovuto vista la fase avanzata del normale cammino che la chiesa diocesana ha avviato. Questo permette a tutti di venire numerosi sulla sua tomba, pregare e invocare lo Spirito Santo così che la Chiesa “ce la ridoni santa fra i santi, compagna di cammino, efficace educatrice nell’amore” (preghiera di monsignor Alessandro Maggiolini). L’eucarestia che ora celebriamo sia segno dell’unione fra cielo e terra, fra umanità in cammino e Paradiso che trabocca di vita e di gioia.» don Andrea Caelli

 

download pdf Omelia Oscar Cantoni

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Agosto 1419 posa della prima pietra dello Spedale degli Innocenti a Firenze, ritenuto il primo edificio rinascimentale mai costruito

Social

newFB newTwitter