Tirano, 30 giugno 2018   |  

Tirano a Settembre "Sforzato Wine Festival"

Dal 14 al 16 settembre torna a Tirano “Eroico Rosso", il festival diffuso che celebra il vino più famoso della Valtellina, lo Sforzato DOCG (denominazione di origine controllata e garantita)

eroicologo

"Eroico Rosso, Sforzato Wine Festival" è giunto alla sua quarta edizione, si terrà anche quest’anno nel capoluogo tiranese, il festival-rassegna che unirà enologia e gastronomia a cultura e paesaggio.
Tre giorni di assaggi, eventi, tra happening, incursioni d’arte per strada e performance inattese, degustazioni in spazi privati generalmente non aperti al pubblico, e il grande vino Sforzato da scoprire. Lo Sforzato (o Sfursat) di Valtellina, primo passito rosso secco italiano a potersi fregiare della DOCG, ottenuta nel 2003, è il vino più famoso della valle: frutto della selezione delle migliori uve del Nebbiolo delle Alpi, coltivate sul versante retico della provincia di Sondrio, tra Berbenno e Tirano, su quei vigneti eroici che offrono uno spettacolare scenario ed un eco-mosaico unico al mondo.

“Eroico Rosso, Sforzato Wine Festival” toccherà musei e palazzi storici, chiese, ristoranti; si muoverà tra strade, vicoli e piazze, si infilerà nei cortili e nei giardini di Palazzi privati altrimenti inaccessibili. Il vino Sforzato sarà il filo che unisce questa trama fitta di appuntamenti che coinvolgeranno Tirano, “Città del vino” e “Città Slow”, incastonata nel cuore delle Alpi centrali, fra Italia e Svizzera, crocevia di notevole importanza nel corso dei secoli.

Abbracciata da vigneti dagli eroici terrazzamenti, Tirano è uno dei tesori della Valtellina: una città d’arte ricca di palazzi storici e di chiese, racchiusa nella cinta muraria voluta da Ludovico il Moro, patrimonio mondiale dell’Unesco quale la stazione di partenza del trenino rosso del Bernina con il suo suggestivo percorso fra le Alpi fino a St. Moritz.Una Tirano da scoprire a piedi, con tour in bicicletta e passeggiate nel paesaggio unico e spettacolare dei vigneti terrazzati.

Questa manifestazione  si conferma importante appuntamento per operatori e appassionati. Il fitto programma, oltre alle degustazioni di Sforzato, prevede i wine lab, laboratori sensoriali a cura del Consorzio Vini di Valtellina; i laboratori del gusto e gli show cooking per conoscere i segreti della cucina locale e lo Sforzato a tavola in collaborazione con ristoranti ed enoteche tiranesi; proposte musicali e artistiche, come mostre e laboratori.

Il programma artistico-culturale offrirà, fra l’altro, una mostra unica e imperdibile di francobolli intorno al mondo del vino e dell’uva con pezzi da tutto il Mondo, organizzata dal Circolo Filatelico e Numismatico Tiranese che si concluderà con Eroico Rosso.

Tra le novità di questa quarta edizione l’ampliamento del circuito di degustazione con la tappa a Palazzo Camagni per la prima volta accessibile durante l’evento. Si aggiunge al programma il MET Museo Etnografico Tiranese che proporrà un rinnovato "percorso del vino" fra oggetti e strumenti della produzione del “vino eroico” oltre a passeggiate e documentari.

Per tre giorni i visitatori e i turisti potranno quindi gustare Tirano, con i suoi aromi divini e i suoi sapori di cultura. Oltre ai vini, “Eroico Rosso, Sforzato Wine Festival”, come ogni anno, ospiterà produttori ed artigiani delle altre eccellenze della Valtellina come mele, salumi, pane, dolci, conserve, confetture, grappe per offrire al visitatore un’esperienza completa dell'offerta eno-gastronomica locale.

“Eroico Rosso, Sforzato Wine Festival” è un'iniziativa del Comune di Tirano con l’organizzazione del Consorzio Turistico Terziere Superiore, in collaborazione con il Consorzio tutela Vini di Valtellina e con il sostegno della Comunità Montana di Tirano, del Consiglio Regionale della Lombardia, del BIM (Bacino Imbrifero Montano), la sponsorship di AEVV e il patrocinio della Provincia di Sondrio.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newFB newTwitter