Trento, 01 settembre 2017   |  

Trecento pellegrini dal Trentino a Lourdes

Tisi: “Portiamo storie e volti delle nostre comunità”

vierge 1920x1280 opt

Saranno poco più di trecento fedeli trentini, guidati dall ’arcivescovo Lauro, in in partenza per il pellegrinaggio diocesano a Lourdes, organizzato da “Ospitalità Tridentina” da domani, venerdì 1 a lunedì 4 Settembre. E’ il 99° pellegrinaggio diocesano al santuario mariano francese, l’unico nel 2017. I trentini raggiungeranno la località transalpina con due voli dagli aeroporti di Bergamo e Verona, partendo in pullman dal capoluogo. Fra i 310 iscritti, accanto a monsignor Tisi (per la prima volta a Lourdes da vescovo di Trento), vi sono quaranta ammalati, una novantina di volontari fra dame e barrellieri, nove preti e una decina fra medici e infermieri. Responsabile organizzativo è don Piero Rattin, delegato per la pastorale degli ammalati e direttore dell’ufficio pellegrinaggi.
Nel gruppo dei volontari spicca la presenza di 25 giovani, formati in questi mesi dalla pastorale giovanile al contatto con gli ammalati, frequentando le corsie dell’Ospedale San Camillo a Trento. Nei giorni di Lourdes vivranno un’esperienza ancora più forte, che li aiuterà a testimoniare, al loro ritorno, l’attenzione alla malattia e alla sofferenza anche nel quotidiano delle nostre comunità.

“Lo spirito - annuncia l’arcivescovo Lauro alla vigilia della partenza - è quello di portare a Lourdes la storia delle nostre comunità. Penso al volto degli ammalati, di tanti genitori, giovani e anziani, di chi cerca un lavoro e non lo trova, alla storia bella di famiglie contente, di chi investe nel futuro cercando una prospettiva vocazionale”. “Vorrei chiedere alla Donna di Nazareth – riflette ancora monsignor Tisi – di farci scoprire che Gesù risorto è in mezzo a noi. Non è teoria, ma è il Vivente, il Dio mite che ci fa esistere. Scoprire la mitezza come la virtù non di chi non ha forze, ma come capacità di essere disposti a far esistere l’altro. Ne abbiamo estremo bisogno come Chiesa ma ne ha bisogno quest’umanità così violenta e furiosa nel chiudere la bocca. Il Dio cristiano apre la bocca e lascia campo”.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Settembre 1870 le truppe del Regno d'Italia entrano a Roma attraverso la breccia di Porta Pia, sancendo così l'unificazione del Paese e la fine del potere temporale dei Papi.

Social

newFB newTwitter