Sondrio, 25 marzo 2020   |  
Cronaca   |  Salute

Troppi medici e preti colpiti dal virus

In Provincia, oltre all'isolamento delle persone, occorre alzare con decisione il numero dei tamponi

sondriospedaledownload

Ospedale di Sondrio, ingresso principale

Questa tremenda pandemia comincia a far sentire i suoi pesantissimi effetti anche nella nostra provincia. Tra le categorie, se ci è consentito usare il termine in modo probabilmente improprio, colpite anche quelle dei sacerdoti e, naturalmente, dei medici e degli infermieri.

Il Vicario generale della diocesi è sempre grave sotto casco per respirare; il Parroco di Ardenno, anch'egli grave, è intubato; Il Parroco di Valmalenco è nelle stesse condizioni del Vicario generale ed è aiutato nella respirazione con il casco mentre ilParroco di Chiavenna sembra non grave ed è assistito in casa.

Per quanto riguarda i medici cinque sono ricoverati presso l’ospedale di Sondalo dove prestano servizio ed uno è in terapia intensiva mentre altri medici ed infermieri sono in casa con la febbre.

Alcuni di questi prestano servizio all'ospedale di Sondrio e insieme a loro ci sarebbe anche un medico di famiglia. Un altro medico, in forza a Sondalo, risulta poi degente presso il medesimo ospedale.

In quest'ultima struttura è degente anche una paziente operata recentemente per la frattura del femore e colpita da polmonite da covid19 contratta in ortopedia all’ospedale di Sondrio dove è stato infettato pure il primo medico, oggi intubato.

Senza misure di profilassi la situazione è destinata a non migliorare. Il rischio che anche nell'ospedale di Sondrio si possa generare un focolaio va eliminato con un deciso intervento di tamponi a tappeto.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

5 Giugno 1921 è il primo giorno scelto con circolare del Comando generale dell'Arma dei Carabinieri (del 7 Aprile dello stesso anno) per celebrare, ogni anno, la propria festa. Il 5 Giugno è la data di concessione della medaglia d'oro all'Arma medesima. In tutta Italia oggi la celebrazione avviene in clima d'austerità in sintonia con la situazione generale del Paese. Ancora una volta i Carabinieri dimostrano l'alto senso di responsabilità che li contraddistingue da 199 anni, giorno della loro fondazione. I Lecchesi, come tutti gli italiani, si stringono con affetto attorno ai loro Carabinieri.

Social

newFB newTwitter