Sondrio, 19 dicembre 2017   |  
Società   |  Cronaca

Una “Festa degli auguri” acrobatica e irresistibile al palato dei golosi

L'appuntamento, organizzato dal Cai Sezione Valtellinese di Sondrio è per venerdì 22 Dicembre, a partire dalle ore 17.30, nella centralissima Piazza Campello in Sondrio

kgdownload 2

Il Club Alpino Italiano Sezione Valtellinese di Sondrio, presieduto dall'infaticabile Marusca "Maru" Piatta, ripropone, in quest'ultimo scorcio di 2017, il tradizionale, atteso appuntamento sotto la "Torre del Ligari", alias campanile, in piazza Campello, angolo storico fra i più animati oltre che uno dei cuori pulsanti di Sondrio, insieme alla centrale Piazza Garibaldi.

L'happening avrà luogo venerdì 22 Dicembre, a decorrere dalle ore 17.30 e sono invitati non solo gli “aficionados” del sodalizio ma tutti i membri della comunità. Come accade da oltre vent'anni (ai tempi il tutto si svolgeva nella Piazzetta Cavour), la "Festa degli auguri" offre sempre un gustoso menu di proposte ai partecipanti. Non ci saranno solo intrattenimento e divertimento, ma anche momenti di vera e propria convivialità, tutto all'insegna dei valori che la montagna racchiude; e che il Club Alpino Italiano intende da sempre trasmettere, in particolare ai giovani.

Quindi, via con le danze. Danze, a dire il vero, acrobatiche e spettacolari con allievi (fra cui alcuni appartenenti alla simpatica e iper-attiva truppa del "Cai Giovani" interna alla Sezione) e istruttori della prestigiosa "Scuola di Alpinismo e Scialpinismo della provincia di Sondrio" intitolata a Luigi Bombardieri, pioniere dei soccorsi alpini in elicottero.

Sotto la supervisione del mitico Camillo Della Vedova – presidente della medesima Scuola oltre che alpinista di gran vaglia, cui recentemente è stato anche attribuito il "Premio Meroni - si caleranno (con tanto di imbracatura e di moschettoni d'ordinanza, ma vestiti di rosso, come Babbo Natale…) dalla torre-campanile ligariana, in un crescendo di emozioni.

Oltre a questo momento di puro spettacolo e suspense, dimostrativo pure della comprovata (tecnica ma elegante) capacità alpinistica di tali "attori equilibristi", tanti caldi, anzi caldissimi, brindisi e scambi di auguri intercalati da assaggi di panettone e pandoro, dopo le prelibatezze tutte vallive, preparate per l'occasione da veri e propri "maestri" nel settore.

Tutti pronti, quindi, per una golosissima degustazione di sciatt, cucinati a regola d'arte, en plein air, a ritmo serrato, dai volenterosi Soci della Sottosezione del Cai di Teglio che da alcuni anni propongono queste delizie sempre più gradite a tutti, grandi e piccini, montanari e no.

A sorvegliare e suggellare questo succedersi di eventi così particolarmente lieti, lo scoppiettante e "luccicante" grande falò, che riunisce proprio tutti e scalda il cuore come gli animi. E poi, tante sorprese ancora… nel cuore della città al centro delle Alpi! (Mi.Ba.)

download pdf Il programma della serata

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Aprile 1956 seduta inaugurale della Corte costituzionale italiana

Social

newFB newTwitter