Sondrio , 29 dicembre 2016   |  

Vaccini, perchè così importanti

Il 24 per cento del totale, in Italia non e' vaccinato contro il meningococco C, principale causa della meningite pediatrica nel nostro paese

vaccini

Un bambino su 4, il 24 per cento del totale, in Italia non e' vaccinato contro il meningococco C, principale causa della meningite pediatrica nel nostro paese. Il dato, riferito al 2015, fotografa una situazione drammatica: e' di oggi il decesso di un bambino di 22 mesi non vaccinato a Firenze. La cifra del 76% di vaccinati entro i 24 mesi di eta' non deve trarre in inganno: l'obiettivo fissato dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale fissa una soglia ottimale di copertura pari o superiore al 95 per cento.

E' quella la cifra, secondo l'Oms, in grado di garantire un freno decisivo a eventuali epidemie, garantendo quell'"immunità di gregge" che autmaticamente rende sicuri anche i pochi non vaccinati. Un target che al momento e' pura utopia. Eppure il nuovo vaccino "coniugato" contro il meningococco C, prodotto alla fine degli anni '90, ha dimostrato un'efficacia pari al 100 per cento. Con effetti collaterali scarsi: prevalentemente gonfiore e rossore nel punto dell'iniezione, salvo rarissimi casi di shock anafilattico.


La buona notizia è che nel 2015 la copertura vaccinale contro la meningite è aumentata del 3,6 per cento, a fronte di altri vaccini in forte calo (dalla polio al tetano, dall'epatite B alla pertosse), ma partiva da dati decisamente più bassi.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Novembre 1945 inizia il processo di Norimberga contro 24 criminali di guerra nazisti della seconda guerra mondiale

Social

newFB newTwitter