Val Gerola, 24 dicembre 2016   |  

Val Gerola, caccia al tesoro e concerto di musica bandistica

A Gerola alta iniziano in questi giorni gli appuntamenti culturali, gastronomici, i concerti, le proposte ricreative e di animazione territoriale destinate a coinvolgere famiglie, gruppi di amici

31391134905 4d0946c11d b

Da venerdì 23 Dicembre,  all'Ufficio turistico della località  Gerola alta è possibile prenotarsi per la Caccia al tesoro, «lo Spirito del Natale». Tre serie di prove e “cacce” per una corsa verso il tesoro che richiede intuito, voglia di conoscere il paese, i suoi ambienti caratteristici, i suoi abitanti con i quali il regolamento della Caccia al tesoro invita a «mettersi in relazione» conoscendosi, fraternizzando, scambiandosi auguri. È anche richiesto di effettuare con i propri smartphone un “Safari fotografico” girando per il paese, parlando con la gente, trovando il significato di parole dialettali e oggetti. Documentando questa «attività di ricerca» con selfie o fotografie. Per una caccia al tesoro “scatta e cliccka” che apre una fase “interattiva” nel divertimento e nella animazione proposta a Gerola per le feste dal locale Ecomuseo. Si scopriranno “Racconti natalizi” si recupererà l'antica “magia del Natale”.

Si metteranno assieme tutti gli oggetti e le immagini “catturate” nel percorso, e al termine delle prove si comporrà il “pack”, si “uniranno i ricordi”, si farà ritorno all’Ufficio turistico portando le immagini, le impressioni, le proposte, e verrà consegnato il tesoro. Il Natale di Gerola è anche in musica. Martedì 27 dicembre alle 21 al Palagerola arriva a pieno organico la Banda di Premana, o “Corpo Musicale San Dionigi”. L'ensemble bandistico lecchese proporrà un repertorio che spazia dalla musica per fiati più tradizionale, ad interpretazioni di musica colta, classica, colonne sonore di film, l'ingresso è ad offerta libera.

download pdf Locandina "Caccia al tesoro"

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Giugno 1894 il Comitato olimpico internazionale viene costituito alla Sorbona (Parigi) su iniziativa del barone Pierre de Coubertin

Social

newFB newTwitter