Sondrio , 08 febbraio 2018   |  

Valtellina: olivo per salvare le aree incolte

Lo scopo è di recuperare le aree incolte e renderle appetibili dal punto di visto paesaggistico attraverso vendita di piantine d'olivo a prezzo agevolato per promuovere una coltura già diffusa nella Provincia di Sondrio

ulivo pianta NG3

L’olivo per salvare le aree incolte dal bosco e dal degrado recuperandole sia dal punto di vista paesaggistico che sanitario il progetto lanciato dalla Comunità Montana di Morbegno punta sulla formazione e sulla vendita di piantine a prezzo agevolato per promuovere una coltivazione già diffusa in varie zone della provincia di Sondrio.

Una volontà espressa dal presidente dell’ente comprensoriale Christian Borromini che, in poche settimane, è stata tradotta in azione. «Le aree abbandonate del versante retico rappresentano un problema che intendiamo contenere e risolvere - spiega il presidente Borromini -. Molti vigneti sono stati recuperati da giovani viticoltori ma rimangono terreni incolti e l’olivo, che non richiede un grande impegno nella coltivazione, è una soluzione praticabile che intendiamo incentivare, anche per il crescente interesse che abbiamo riscontrato tra i proprietari dei fondi».

Partner della Comunità Montana di Morbegno in questo progetto è la Fondazione Fojanini di Sondrio che si occuperà sia dell’attività di formazione che della selezione del materiale vivaistico adatto alle condizioni climatiche e ai terreni del versante retico. Per quanto riguarda la formazione, completamente gratuita e aperta anche ai proprietari di terreni in cui è già stato impiantato l’olivo, sono previsti incontri, lezioni e visite tecniche sulle pratiche di coltivazione, la messa a dimora delle piante, gli aspetti agronomici e la trasformazione delle olive. La distribuzione delle piante di olivo a prezzo agevolato sarà riservata ai conduttori e ai proprietari di terreni abbandonati o incolti del versante retico della Bassa Valtellina per superfici minime di 400 metri quadrati. Ne sono esclusi i terreni del fondovalle e quelli configurati come giardini e pertinenze di abitazioni.

«Stiamo già ricevendo le prime richieste - conclude il presidente Borromini -, c’è grande interesse per questa azione che intende rivitalizzare i versanti e diminuire progressivamente le aree incolte che deturpano la bellezza del paesaggio e che sono causa di problemi per i terreni coltivati confinanti. I terrazzamenti curati non sono soltanto belli da vedere ma rappresentano una garanzia contro il dissesto idrogeologico: gli olivi sono un mezzo efficace per conseguire questi obiettivi».

Le domande dovranno essere presentate alla Comunità Montana di Morbegno entro il 28 febbraio. I proprietari e i conduttori potranno richiedere da un minimo di 15 a un massimo di 50 piante. I relativi moduli sono a disposizione degli interessati presso gli uffici e sul sito internet dell’ente, oltre che in tutti i comuni del mandamento.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Febbraio 1931 viene varata la Amerigo Vespucci, tuttora in servizio, ed utilizzata per l'addestramento degli allievi dell'Accademia Navale di Livorno.

Social

newFB newTwitter