Sondrio, 29 maggio 2018   |  
Economia   |  Cronaca

Venosta: non sono ammessi matrimoni tra cugini

Due note dell'agenzia Radiocolor Plus confermano che per il Presidente e per il Consigliere delegato della Banca Popolare di Sondrio il mercato non offre molte occasioni, mentre per il Presidente di Creval non è ancora certo un imminente riassetto della governace del suo Istituto.

halbertomarco banca

Mario Alberto Pedranzini (a sinistra) e Francesco Venosta

Il Sole 24 Ore Radiocor Plus ha diramato quest'oggi due note relative alla Banca Popolare di Sondrio e al Credito Valtellinese.

Nella prima è il presidente della BPS, Francesco Venosta, che rispondendo all'eterna domanda se l'Istituto di Piazza Garibaldi è intenzionato ad unirsi al Creval, ha scherzosamente risposto che «non sono ammessi i matrimoni tra cugini; c'è proprio una norma di legge e anche il diritto canonico ad escluderlo».

Quanto alla trasformazione in Spa, Venosta ha poi notato che «nei prossimi mesi il Consiglio di Stato qualcosa dirà e allora si potranno capire meglio i tempi per il cambio di forma giuridica». L'istituto, in ogni caso, cercherà di «mantenere la sua ispirazione di banca popolare, che ha costituito uno dei punti di forza fondamentali della banca».

In tema di aggregazioni, d'altra parte, Venosta ha ricordato che l'istituto sta trattando con la Cassa di Risparmio di Cento e che per il consolidamento «non c'è una regola unica, non c'è una sola possibile strategia e non una sola possibile strategia vincente. Non c'è una sola regola che vale per tutti allo stesso modo, il mercato è grande e ha segmenti diversi».

Il consigliere delegato e direttore generale, Mario Alberto Pedranzini, ha aggiunto che l'istituto aspetta un'occasione, precisando comunque che «non ce ne sono molte sul mercato». In ogni caso, ha concluso Venosta, al momento «non c'è nulla di concreto» e altri ipotesi come Bper potrebbero essere percorribili «in astratto».

Nella seconda nota il presidente del Credito Valtellinese, Miro Fiordi, a chi gli ha chiesto se sarà necessaria un'assemblea straordinaria prima di quella che approverà il bilancio 2018 per varare un rinnovamento nella governance dell'istituto, ha risposto: «Non lo so, dipende». Poche settimane fa, in occasione dell'assemblea ordinaria, il socio francese Denis Dumont aveva spronato i vertici a modificare l'assetto di governo per rispecchiare le modifiche avvenute nell'azionariato a seguito del recente maxi aumento di capitale da 700 milioni.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Ottobre 2003 a Roma, in piazza San Pietro viene beatificata Madre Teresa di Calcutta.

Social

newFB newTwitter