Sondrio , 25 ottobre 2019   |  

Vertice Coldiretti su Parma e San Daniele

Al summit centinaia di allevatori lombardi

ham 3853605 640

Vertice Coldiretti Lombardia sulla filiera dei prosciutti DOP Parma e San Daniele. A Malagnino, in provincia di Cremona – rende noto la Coldiretti regionale – si è svolto un summit con centinaia di allevatori lombardi per discutere del futuro dei due comparti, che da soli rappresentano oltre la metà delle produzioni DOP (Denominazione di Origine Protetta) e IGP (Indicazione Geografica Protetta)  italiane a base di carne.

Obiettivo dell’incontro – spiega la Coldiretti regionale – la presentazione delle proposte di modifica ai disciplinari di produzione, oltre che del nuovo piano dei controlli di filiera, che vanno nella direzione di garantire sempre più la qualità, la tracciabilità e la distintività di ciò che i consumatori portano a tavola. Ne hanno discusso Paolo Voltini, Presidente di Coldiretti Lombardia; Giorgio Apostoli, Capo Servizio Zootecnia di Coldiretti; Stefano Vaccari, Capo Dipartimento ICQRF (l'Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari) del ministero delle Politiche Agricole; Stefano Fanti, Direttore del Consorzio del Prosciutto di Parma; Maurizio Gallo e Thomas Ronconi, rispettivamente Direttore e Presidente ANAS (Associazione Nazionale Allevatori Suini).

Le principali modifiche ai disciplinari di produzione che coinvolgono gli agricoltori – spiega la Coldiretti Lombardia – riguardano le caratteristiche degli animali, l’alimentazione e le zone di allevamento. Per il prosciutto di Parma, ad esempio, entrano nell’area di produzione anche le province del Friuli Venezia Giulia. Novità anche per stagionatura, confezionamento e vendita. Sul fronte dei controlli, invece, l’obiettivo è rafforzare la sicurezza dell’intera filiera senza oneri burocratici che mettono a rischio il lavoro degli allevatori.

La produzione di Parma e San Daniele – conclude la Coldiretti Lombardia in base agli ultimi dati Ismea – ammonta a oltre 100 mila tonnellate l’anno, con un valore al consumo di più di 3 miliardi di euro. Con 4,5 milioni di maiali allevati su un totale nazionale di 8,5 milioni, la Lombardia si conferma la prima regione suinicola italiana.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Novembre 1945 inizia il processo di Norimberga contro 24 criminali di guerra nazisti della seconda guerra mondiale

Social

newFB newTwitter